Casarano. Ok all’impianto per il trattamento dei rifiuti

La Provincia di Lecce ha autorizzato la società Geotec Ambiente alle emissioni in atmosfera. L’impianto sta per sorgere nella zona industriale di Casarano

Mentre la città si concentra sulla proposta di centrale a biomasse, altri progetti, nel più assoluto silenzio, fanno passi in avanti negli uffici che contano. E’ il caso dell’impianto di trattamento dei rifiuti differenziati, che sta per essere terminato a Casarano nella zona industriale, proposto dalla “Geotec Ambiente srl”, la società appaltatrice del servizio di raccolta e trasporto dei rifiuti solidi urbani. E’ notizia di pochi giorni fa, infatti, che la Provincia, con atto di determinazione n. 51 del 07/04/2010, ha autorizzato la società alle emissioni in atmosfera, ai sensi dell’art. 269 del D. Lgs. 152/2006. La determina del settore “Territorio, ambiente e programmazione strategica” di Palazzo dei Celestini parla di “impianto da realizzare”, ma pare invece che l’impianto di selezione e lavorazione di rifiuti non pericolosi della raccolta differenziata sia ormai a fine lavori e che per l’avvio vero e proprio mancherebbe giusto questa autorizzazione per l’emissione di polveri nell’atmosfera. Tra l’altro, la decisione della Provincia è stata accolta non senza sorprese negli ambienti politici, in quanto si conosceva il progetto dell’impianto, approvato dall’amministrazione precedente, ma si pensava solo a un trattamento di semplice separazione dei rifiuti, senza processi che producessero polveri. Il processo produttivo, però, prevede una fase di triturazione dei rifiuti ed è in questa fase che, probabilmente, vengono prodotte le polveri. “Il processo produttivo – si legge nell’atto – comprende anche una linea di triturazione dei rifiuti che utilizza un mulino esterno al capannone principale; per ciò che concerne la linea di triturazione dei rifiuti, sono presenti dei punti di emissione diffusa sia presso il trituratore dei rifiuti, che nella zona di carico dei rifiuti triturati sui cassoni; […] vi è un punto di emissione convogliata presso la cabina di cernita manuale, munita di n. 8 bocchette di aspirazione, che convogliano l’aria ad un filtro a cassetto e da qui ad un camino di espulsione”. La determina della Provincia, tuttavia, ha imposto delle prescrizioni alla “Geotec Ambiente”, in particolare il rispetto di limiti le emissioni diffuse di polveri totali. Alla società, inoltre, sono stati prescritti alcuni obblighi e impegni: “Dovrà costantemente garantire in futuro l’adeguamento dell’impianto alla migliore tecnologia che si renderà man mano disponibile, al fine di contenere le emissioni ai livelli più bassi possibili e, nel caso di superamento dei limiti prescritti, presenterà alla Provincia, un progetto di adeguamento delle emissioni, ai fini della approvazione”. Bisogna rivelare, infine, che il Servizio di Igiene della Asl Lecce e l’Arpa hanno espresso parere favorevole.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!