Fugge su un’auto rubata. Preso

L’uomo, un 23enne di Squinzano, era già noto alle forze dell’ordine. Dopo un inseguimento è stato raggiunto ed arrestato dai carabinieri del posto

Notte movimentata, quella appena trascorsa, a Squinzano. Protagonista un malvivente e le sue manovre intorno ad un’Alfa Romeo 147 rubata. E protagonisti anche i Carabinieri della Stazione di Squinzano, che l’hanno intercettato e bloccato nei suoi intenti criminosi, traendolo così in arresto per ricettazione. La persona in questione è Paolo Guadadiello, classe 1987, già noto alle Forze dell’Ordine. Tutto si è svolto nel giro di pochi minuti in una zona semiperiferica della località salentina. È l’una circa quando un’autovettura inizia a percorrere insistentemente quelle strade; la cosa non sfugge a due pattuglie dei Carabinieri locali che intuiscono possa essere un comportamento tipico di chi voglia “perlustrare” il territorio, magari per poi colpire qualche esercizio commerciale. Poi, nel giro di pochi minuti, l’uomo si avvicina a passo svelto verso l’Alfa Romeo parcheggiata in zona: una chiamata alla Centrale Operativa di Lecce e si capisce che l’auto è ricercata, in quanto sottratta pochi giorni fa nel leccese. E così scatta l’intervento: i mezzi militari arrivano sul posto e, nonostante un breve inseguimento, bloccano l’auto ed il ladro. Ci sono gli estremi per il reato di ricettazione e il grado di pericolosità legittima l’arresto del giovane, che è stato così messo a disposizione della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Lecce.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!