Si è spento il vescovo di Ugento

Da anni soffriva di un linfoma che lo aveva moto indebolito. Vito De Grisantis è deceduto presso l’ospedale “Panico” di Tricase. Il Comune di Ugento ha proclamato il lutto cittadino per sabato 3 aprile, giorno dei funerali

Si è spento alle ore 5,30 di stamattina, presso l’ospedale “Cardinale Panico” di Tricase, Vito De Grisantis, 69 anni, vescovo della diocesi di Ugento-Santa Maria di Leuca. Un linfoma di cui soffriva da anni lo aveva molto indebolito nel fisico. “In questo momento particolare nel quale ho tante limitazioni – aveva detto recentemente – sento una forza che viene dalla sofferenza vissuta con fede. La mia sofferenza, che si unisce a quella di tanti fedeli che si trovano nelle mie condizioni, è una grazia di Dio ed è un volano per il cammino di tutta la diocesi. Ecco perché questo momento è importante non soltanto personalmente, perché la sofferenza rende sempre più simili a Cristo Gesù, ma anche è un aiuto grandissimo alla vita della Chiesa, perché è una forza sotterranea, come quell’acqua che scorre sotto la terra e nessuno la vede, ma dà fecondità”. La salma di De Grisantis sarà esposta alla preghiera dei fedeli a partire dalle ore 11.30 di oggi presso la Sala dell’Episcopio di Ugento (Palazzo Vescovile). La camera ardente osserverà i seguenti orari di accesso: oggi, sino alle ore 24; domani 2 Aprile dalle ore 7.00 alle ore 24; sanato 3 aprile, dalle ore 7 alle 12. Il funerale sarà celebrato sabato alle ore 16, nella Cattedrale di Ugento, dall’Arcivescovo della diocesi Bari-Bitonto, monsignor Francesco Cacucci. Per l'occasione, il Comune di Ugento ha proclamato il lutto cittadino. Successivamente la salma sarà trasferita a Lecce nella chiesa di Santa Maria delle Grazie in Santa Rosa, per un momento di preghiera e sarà poi tumulata nel cimitero di Lecce. Lunedì 5 aprile, alle ore 19, nella Cattedrale di Ugento, il Cardinale Salvatore De Giorgi terrà una celebrazione eucaristica in suffragio.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!