Omicidio Russo: rinviato a giudizio Raffaele Galgano

Si aprirà il prossimo 6 maggio, in Corte d'Assise, il processo per l'omicidio di Luigi Russo, che vede come imputato l'ex socio Raffaele Galgano

Inizierà il prossimo sei maggio, dinanzi ai giudici della Corte d’Assise di Lecce, il processo per l’omicidio di Luigi Russo, l’assicuratore di 27 anni assassinato a Casalabate il 7 dicembre del 2005. Il giudice dell’udienza preliminare, Nicola Lariccia, ha rinviato a giudizio Raffaele Galgano con l’accusa di omicidio volontario premeditato. Russo e Galgano erano soci della “R&G” un’agenzia che si occupava di pratiche automobilistiche. Ad armare la mano del presunto assassino, per il pubblico ministero Elsa Valeria Mignone, sarebbe stato un grosso debito che Galgano aveva contratto con la vittima. Lo stesso assicuratore avrebbe poi tentato di sviare le indagini dei militari dell'Arma cercando di far passare l'omicidio per un delitto legato alla criminalità organizzata, come fosse una vera e propria esecuzione di stampo mafioso. Il corpo di Russo fu colpito, infatti, da quattro colpi di pistola (i bossoli non furono mai ritrovati), uno dei quali sparato ad una distanza di 50 cm. Sono state le pazienti e accurate indagini dei Carabinieri a portare all’arresto, nel settembre scorso, a quasi quattro anni di distanza, di Galgano, attualmente detenuto. Molti, secondo la ricostruzione accusatoria, gli indizi che incastrerebbero il 35enne di Squinzano.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!