Aperture domenicali, Cavallino ago della bilancia

GUARDA IL VIDEO. Si è svolto stamani un altro vertice alla Camera di Commercio con la vicepresidente della Regione, Loredana Capone, i sindaci e i rappresentanti dei Comuni di Lecce, Surbo, San Cesario e Cavallino, sindacati e associazioni di categoria

Nuovo vertice sulle aperture domenicali straordinarie stamani alla Camera di Commercio di Lecce. La vicepresidente della Regione, Loredana Capone, ha incontrato i sindaci e gli amministratori dei Comuni di Lecce, Surbo, San Cesario e Cavallino, oltre ai rappresentanti di sindacati e associazioni di categoria. Dall'incontro è emersa la volontà di definire al più presto un calendario unico delle domeniche aperte, ma tutto dipenderà dalle intenzioni del Comune di Cavallino al quale è stato chiesto di fare un passo indietro rispetto all’ordinanza 69/2009 del 24 Dicembre 2009 (che liberalizza le aperture domenicali) e di giungere ad una soluzione condivisa. Il delegato del sindaco di Cavallino Michele Lombardi ha riferito che la delicata questione sarà affrontata prima in sede di Giunta, e ha dichiarato la disponibilità a rivedere la decisione di consentire l'apertura straordinaria anche nella domenica delle Palme (28 marzo), visto che i sindaci dei Comuni limitrofi hanno invece espresso la volontà di tenere gli esercizi chiusi. Il tavolo si aggiornerà dopo le elezioni regionali. Al termine dell'incontro, la vicepresindete Loredana Capone ha spiegato quanto emerso dal vertice: Il problema delle aperture domenicali straordinarie sta creando forte tensione tra i lavoratori e le aziende della grande distribuzione, ma anche tra i lavoratori e le amministrazioni locali, come pure tra gli stessi cittadini. In particolare, sindacati e lavoratori reclamano il rispetto della concertazione previsto dalla legge regionale 11 del 1 agosto 2003 sul commercio, nonché il diritto ad una regolare vita familiare nei giorni di festa. Domenica scorsa, tra l'altro, i dipendenti di Conad-Leclerc, avevano pure protestato davanti alla sede del centro commerciale, dopo aver tenuto analoga manifestazione in municipio, la settimana precedente. Nel frattempo, altri esponenti della politica e della società non hanno nascosto l'importanza del rispetto della giornata di riposo settimanale. Sopra tutti, è intervenuto l'arcivescovo Domenico D'Ambrosio, ricordando che la domenica non è solo la giornata da dedicare al Signore ma anche alla vita familiare e di relazione.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!