Nardò. Musica senza licenza nei locali

La polizia di Nardò ha multato e segnalato all’autorità amministrativa i gestori di due locali, per esercizio abusivo di intrattenimenti musicali e per non aver interrotto la musica dopo le 2

Nel corso degli ultimi giorni è stata intensificata l’attività di repressione e prevenzione delle attività criminose da parte della Polizia di Stato rinforzando il dispositivo di controllo del territorio nella città di Nardò e nei Comuni limitrofi anche in considerazione delle numerose richieste dei cittadini turbati nel loro riposo dalla diffusione sonora di alcuni esercizi pubblici della città nelle ore notturne. In seguito ad un controllo effettuato da personale della Squadra Volante in due differenti esercizi del centro città lo scorso 7 marzo i gestori dei due locali sono stati sanzionati e segnalati all’autorità amministrativa in quanto è stato accertato che in un caso veniva diffusa della musica in assenza di ogni autorizzazione sindacale, e nell’atro caso che la diffusione proseguiva anche oltre le 2, ovvero quando avrebbe dovuto cessare ogni disturbo alla quiete pubblica. Al gestore del primo locale è stata comminata una sanzione di 1.032 euro; al gestore del secondo, di 516 euro.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!