Alla Stagione sinfonica è Primavera. Mozartiana

GUARDA I VIDEO. Il 19 marzo si inaugura la Stagione Sinfonica 2010. All’insegna di Mozart. Con uno sguardo particolare ai giovani

Di Daria Ricci “Con uno sguardo rivolto ai giovani”. Dal maestro Marcello Panni, alla vice presidente della Provincia, Simona Manca, al direttore amministrativo della Fondazione Ico, Grazia Manni, a Massimo Alfarano, assessore al Turismo del Comune di Lecce, il pensiero è unanime: guardare ai giovani, sensibilizzare la loro educazione anche alla musica colta. Lo hanno sottolineato alla conferenza stampa di presentazione della Stagione Sinfonica 2010. Tutta dedicata a Mozart. “Primavera Mozartiana e l’arte della trascrizione”. Con l’Orchestra della Fondazione Ico che ha ricevuto tanti applausi e consensi nella Stagione Lirica appena conclusa. Un Cartellone con 14 concerti. C’è un’anteprima con un invito ai giovani, mercoledì 10. Alle 11 al Teatro Politeama Greco. Una “matinèe” dedicata a Mozart. “Continuando idealmente l’esperienza della primavera scorsa dedicata a Haydn, quest’anno dedichiamo la stagione al grande genio Mozart” ha detto Panni, direttore artistico e principale della Fondazione Ico, al suo secondo anno a Lecce. Il 19 marzo la Stagione si apre con due capolavori come la “Sinfonia Jupiter” e la “Kronungmesse”. Nel corso della Stagione si alterneranno solisti e direttori di grosso calibro: Salvatore Accardo, Alexander Lonquich, Massimo Quarta, Maurizio Zanini, Maurizio Dini Ciacci. A completamento dei vari programmi sono previste alcune prime esecuzioni di autori italiani come Giorgio Battistelli, Marco Betta, Carlo Boccadoro, Matteo D’Amico, Giovanni Sollima, commissionate dalla Fondazione. Una stagione indubbiamente di grosso calibro come ha sottolineato Manca, “che abbracci tutti anche i più giovani”. Tre sono i programmi educativi concepiti appositamente per i giovani, che già nel 2009 hanno partecipato numerosi alle prove aperte e ai concerti dell’Orchestra. Il progetto ruota intorno a tre classici del XX secolo: “Pierino e il lupo” di Prokofiev, con il musicattore Luigi Maio, “La storia di Babar, l’elefantino” di Poulenc narrato da Simona Marchini e “La guida del giovane all’orchestra” di Britten con la presenza dell’attore Ippolito Chiarello. Di evento di qualità ha parlato anche l’assessore allo Spettacolo del Comune di Lecce Massimo Alfarano. La Stagione è stata organizzata in collaborazione anche con il Comune di Lecce. E’ contenta del Cartellone anche Grazia Manni. Ci sarà anche una stagione estiva di concerti che avrà come titolo “America & America” con programmi, titoli e autori o direttori provenienti dall’America del Sud e dall’America del Nord. La stagione si svolgerà interamente nel cortile del Rettorato dell’Università del Salento.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!