Lecce. Le donne pugliesi per Nichi

Si è tenuta domenica pomeriggio a Lecce la prima Assemblea regionale della rete “Donne Pugliesi per Nichi Presidente”

Un incontro tutto al femminile quello di domenica 7 marzo presso le officine Cantelmo di Lecce. Sono state centinaia, infatti, le donne intervenute da tutta la regione con l'obiettivo di sostenere la rielezione di Nichi Vendola a Presidente della Regione Puglia. Dopo settimane di lavoro per gruppi tematici, la Rete regionale – presieduta da Rita Saraò e organizzata per gruppi provinciali – si è riunita attorno a Nichi Vendola per condividere con lui le problematiche di una società e di una politica ancora troppo declinate al maschile e il progetto di assumere invece il punto di vista femminile come lente di ingrandimento sulla realtà, come lo stesso governatore ha dimostrato di saper fare in questi primi cinque anni di governo con le politiche avviate in diversi ambiti: dal sociale all’urbanistica, dall’ambiente alla cultura. Una la proposta fondamentale sulla quale ritrovarsi operativamente dopo le elezioni: la creazione di un’Authority che possa esprimersi da un punto di vista delle donne in merito a qualsiasi legge e provvedimento emanato dalla Regione Puglia e la moltiplicazione, in tutta la Regione, delle Case delle Donne come quella che già esiste a Lecce e che rischia di scomparire. Nichi Vendola ha accolto con entusiasmo le richieste ed ha sostenuto, nel suo appassionato intervento che spaziava dalla visione delle donne nel melodramma ottocentesco a quella della cronaca dei nostri giorni, la necessità di decostruire immagine e tempi della politica al maschile e di inaugurare “un paio di millenni in cui gli uomini tacciano e lascino parlare di sé le donne”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!