Biomasse, il comitato Eav sollecita il referendum a Casarano

L'indizione del referendum consultivo sulla centrale Italgest è stata deliberata dal consiglio comunale il 15 gennaio 2009. L'Eav: “Ora le forze politiche si impegnino per la stesura del regolamento attuativo”

Riceviamo e pubblichiamo integralmente il comunicato del Comitato Energia Ambiente Vita in riferimento alla delibera del consiglio comunale di Casarano del 15 gennaio 2009 con la quale si è deliberato l'indizione di un referendum consultivo cittadino avente ad oggetto: “Esprima l'elettore se si (favorevole) o no (contrario) ad anamento e sospensione di ogni attività deliberativa del Comune di Casarano con riguardo al rilascio di permessi a costruire, autorizzazioni e licenze che riguardino insediamenti di impianti od opifici sul territorio del Comune di Casarano per la produzione di biomasse”: Tenuto conto che ad oggi nessuna forza politica di governo ha ritenuto di dare seguito alla delibera medesima anche in considerazione dell'assenza del relativo regolamento attuativo del quale ci si dovrà dotare, il comitato Eav sollecita gli organi istituzionali preposti affinché con presa di responsabilità e sensibilità convergano sull'unico obiettivo di concedere democratica espressione ai cittadini attraverso la celebrazione del referendum medesimo, il quale ancorché consultivo sarà certamente ritenuto espressione della sovrana volontà popolare anche in seno alla conferenza dei servizi. Pertanto il comitato Eav rende la propria disponibilità alla collaborazione con le forze politiche che manifesteranno interesse in tal senso per la stesura del regolamento attuativo suddetto.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!