“Dacci l’auto”. E gli sparano

E’ ricoverato in prognosi riservata ma non rischia la vita l’uomo che, l’altro ieri, a Lecce ha tentato di opporsi al furto della propria Mercedes Classe B. Rinvenuta poco dopo a Surbo

Già la chiamano la banda della Mercedes. E l'altroieri è tornata a colpire nel capoluogo salentino. E stavolta i malviventi hanno pure sparato, perché Gianfranco Pol, 54enne bancario di Lecce, il proprietario della vettura, una Mercedes Classe Bmw, ha reagito tentando di opporsi al furto. Almeno un paio di spari, uno dei quali l’ha colpito all’addome. E’ accaduto l’altra notte, attorno alle 23.30, in via Giammatteo, alla periferia di Lecce (tra rione Santa Rosa e zona Salesiani). Dalle ricostruzioni fornite dal malcapitato e da una Volante che si trovava non distante da lì, un uomo, dopo aver affiancato Pol, gli avrebbe intimato, dietro la minaccia della pistola, di consegnargli l’auto. Questi si sarebbe rifiutato ed a quel punto sarebbe partito il colpito. La vittima si sarebbe accasciata al suolo mentre il ladro sarebbe fuggito via a bordo della sua automobile. E’ stato lo stesso Pol a chiamare i soccorsi, i medici del 118 e gli agenti della Questura. Trasportato d’urgenza al “Vito Fazzi”, è stato immediatamente operato; oggi si trova in prognosi riservata ma pare non essere in pericolo di vita. L’auto è intanto stata rinvenuta a Surbo. Non è stato difficile individuarla tramite il sistema di antifurto satellitare.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!