Rapina allo studio della ginecologa

Passamontagna e coltelli ad orario di chiusura. Un bottino da 1.100 euro e poi la fuga. Nessun ferito ma solo tanta paura presso lo studio medico di via Mazzarella a Lecce

Hanno suonato il campanello e, quando è stata loro aperta la porta, sono entrati di prepotenza nella sala d’attesa dello studio di ostetricia e ginecologia della dottoressa Anna Maria Guacci, 55 anni, di Lecce. A quell’ora vi erano tre persone, oltre al medico ed alla sua segretaria. Con il volto coperto da passamontagna e brandendo dei coltelli due uomini, che parlavano con accento leccese, si sono fatti consegnare fino all’ultimo centesimo, racimolando in tutto un bottino di 1.100 euro. La violenta rapina si è consumata attorno alle ore 21 di ieri presso lo studio di via Bonaventura Mazzarella 19, a Lecce. I presenti non hanno opposto resistenza ai malviventi, consegnando loro ciò che chiedevano, fino a quando questi hanno tentato di chiuderli nell’ambulatorio per guadagnare il tempo necessario alla fuga. Il numero ed i riflessi pronti hanno avuto la meglio. I rapinatori sono stati messi in fuga e di lì a poco sono giunte sul posto le pattuglie del primo turno delle Volani, della Squadra mobile e della Scientifica. Non si è reso necessario l’intervento del 118; nessuno dei malcapitati ha riportato ferite, ma solo vissuto un brutto spavento.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!