Lecce: non basta Marilungo

Finisce “uno a uno” il posticipo tra Crotone e Lecce

Secondo pareggio consecutivo per un Lecce che non riesce sfruttare, ancora una volta, i passi falsi delle dirette concorrenti e a trovare la prima vera fuga della stagione. I giallorossi tornano comunque con un buon punto da un campo insidioso come quello di Crotone, trovando anche il vantaggio iniziale con un recuperato Marilungo, bravo a sfruttare una indecisione della difesa avversaria a metà del primo tempo. La gioia ospite dura però solo un quarto d’ora: è Mendicino a ribattere a rete la palla calciata da Cutolo sul palo, con l’evidente complicità di un Rosati poco reattivo nella circostanza. Sul finire della prima frazione sono i calabresi a sfiorare il vantaggio in un paio di occasioni. Nella ripresa qualche buona chance per entrambe le formazioni, con Corvia che esalta le doti tecniche di Concetti. Finisce così “uno a uno”, un punto per parte che tutto sommato va bene sia al Lecce che al Crotone. I salentini portano a due lunghezze il vantaggio sul Sassuolo secondo, ma devono guardarsi dal prepotente ritorno di Grosseto e Brescia, staccate rispettivamente di quattro e cinque punti e vere protagoniste in questo scorcio di stagione. Sabato, al “Via del mare”, sarà di scena la Triestina. Tabellino: Crotone-Lecce 1-1. 22’ Marilungo; 39’ Mendicino Crotone: Concetti, Galeoto, Legati, Abruzzese, Morleo, Beati, Galardo, Cutolo (54’Degano), Mazzarani (61’ Russotto), Mendicino (78’ De Martino), Ginestra. In panchina: Farelli, Grillo, Viviani, Bonvissuto. Lecce: Rosati, Angelo, Fabiano, Terranova, Mazzotta, Munari, Giacomazzi, Vives (79’Loviso), Mesbah, Marilungo (74’Baclet), Corvia (64’ Di Michele). In panchina: Petrachi, Belleri, Schiavi, Bertolacci. Arbitro: Pierpaoli di Firenze

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!