Poli Bortone: liberiamoci da chi non ama la Puglia

Entra nel vivo la campagna elettorale del candidato alla presidenza Adriana Poli Bortone. Ieri presentazione ufficiale a Lecce

«Questa campagna elettorale ha bisogno di gente che vuol sentirsi protagonista delle scelte». Lo ha dichiarato Adriana Poli Bortone, candidata alla presidenza della Regione Puglia per Udc, Mpa e Io Sud, durante una manifestazione elettorale a Lecce. «Il consenso che riscuote il movimento “Io Sud” – ha spiegato la senatrice – rende giustizia delle vicende a dir poco sconcertanti dei mesi scorsi, disegni politici incomprensibili per le persone, disegni di qualcuno che dobbiamo toglierci davanti definitivamente». «In un ennesimo slancio di generosità– ha aggiunto – abbiamo detto sì al progetto di ricucitura della nostra base politica, al progetto di riunire l'area moderata di questa regione, ma poi abbiamo capito che l'ostacolo, secondo qualcuno, ero io: io come soggetto libero e pensante, che non piega la testa davanti agli pseudoapparati di partito né tanto meno davanti a chi è arrivato miracolosamente nelle stanze del potere». «Io ho sempre avuto un spirito leale e reale di militanza e di presenza sul territorio – ha proseguito Poli Bortone – Sfido chiunque a dire che mi sia interessata di Sud, dei pugliesi o della mia città soltanto nell'ultimo anno, delle Pmi o degli agricoltori solo nell'ultimo anno. A differenza di chi ha le leve reali del potere, avrebbe potuto fare qualcosa e invece non fa a per il Sud». «Hanno detto che “Io Sud” era frutto delle mie isterie – ha sostenuto ancora – un disegno personale e politico. Vi dico che mi hanno offerto di tutto e di più, pur di evitare che io fossi qui oggi. Oggi mi sento un tutt'uno con l'Udc, con l'Mpa e con Rifondazione Dc, perché la Puglia ha bisogno di moderazione e di un governo migliore per progettare il proprio futuro».

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!