Gallipoli calcio: la difesa di Iodice

Il direttore generale della formazione giallorossa difende l'operato della società jonica

Il direttore generale del Gallipoli calcio Giuseppe Iodice commenta le notizie apparse negli ultimi giorni sui quotidiani. In riferimento alla notizia apparsa su alcuni organi di stampa circa presunti interventi della Covisoc, torniamo nuovamente a notare come è davvero strano che chi è a conoscenza della notizia dei controlli si tenga ben lontano dal riferire gli esiti dei medesimi. Fortunatamente i nostri tifosi, nel corso di questi mesi, hanno ben imparato a discernere i fatti dalle chiacchiere e a distinguere l’informazione dalla strumentale disinformazione. Durante la scorsa settimana il Gallipoli Calcio è stato oggetto di un controllo di routine da parte della Covisoc. Tale verifica si è conclusa con esito più che positivo, dal momento che è stato accertato che, conformemente alle NOIF (Norme organizzative interne Figc), le mensilità di Luglio, Agosto e Settembre sono state regolarmente corrisposte a tutti i tesserati entro il 31 dicembre. Circa le raccomandazioni ricevute riguardo all’equilibrio del bilancio societario, abbiamo già fatto presente che, sin dal mio arrivo, voluto dalla Dirigenza proprio per intraprendere tale direzione virtuosa, mai percorsa dalla precedente gestione, stiamo lavorando per l’immediato raggiungimento di tale obiettivo. Gli stessi tifosi comprenderanno bene, di conseguenza, la fondatezza di determinati appunti alla società, considerata responsabile delle sconfitte sul campo quando si perde, ma mai omaggiata di parole positive quando si conseguono risultati importanti. Che, a quanto risulta, non sono stati pochi.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!