Lecce. Una pedalata per la pace

“GPace – Giovani per la Pace” sostiene l'iniziativa di CicloAmici Lecce con la presenza di Cecilia Gentile e la sua esperienza in bici dal Libano alla Palestina

Niente è impossibile per la bici se a far girare i pedali sono la determinazione, la grinta, e (se vogliamo) l’incoscienza di donne provenienti da ogni parte del mondo che inforcano la bicicletta e senza batter ciglio (ma battendo il ciclo) attraversano il Medio Oriente. E' il caso di Cecilia Gentile oggi porterà a Lecce la sua particolarissima esperienza e non lo farà solo con una presentazione del suo ultimo libro ma lo farà pedalando in città con l'iniziativa concepita insieme all'associazione CicloAmici di Lecce, un gruppo di cicloecologisti capitanato da Enrico Melissano che vuole rendere le città e la natura circostante più vivibili, più sicure e meno inquinate. L'iniziativa si chiama “Segui le donne – trova la pace” e consiste in una bellissima pedalata simbolica che partirà da Piazza Sant'Oronzo alle 10.00 di oggi (raduno ciclisti alle 9.30) e che percorrerà alcune vie del bellissimo centro salentino. Alla pedalata parteciperanno Cecilia Gentile e Cinzia Nachira. La prima è redattrice di La Repubblica ma è anche una donna che fa, che sfida, che parte e poi racconta in prima persona. Questa volta racconta l´avventura di 250 donne di tutto il mondo in bici per il Medio Oriente. Un viaggio lento, alla ricerca del contatto con le donne del territorio, per costruire con loro, in una solidarietà tutta al femminile, un nuovo percorso di pace. Avventura che poi descriverà durante la presentazione del suo ultimo libro “Segui le donne, da Beirut alla Palestina, pedalando per la pace” che avverrà presso il Palazzo Turrisi Palumbo. Cinzia Nachira è invece un'autrice salentina e presenterà a sua volta il manoscritto “Identità e conflitto: il caso israelo-palestinese” con il quale ci aiuterà a cogliere le linee possibili di frattura sulle quali basarci per far avanzare la pace in Medio Oriente. Il gruppo “GPace – Giovani per la Pace”, creato e gestito da studenti dell'Istituto Costa di Lecce, invita tutti a partecipare all'iniziativa. Il 2 maggio del 2008 la Gentile è partita da Roma con una sua amica, Silvia, per due settimane di avventura. “Quando ho deciso di partire ho telefonato subito ad Alberto Stabile, il nostro corrispondente da Gerusalemme e lui istintivamente mi ha sconsigliato di partire, perchè erano i giorni della Nakba, la catastrofe, il periodo di maggiore attenzione mediatica e il migliore per fare degli attentati. Ma alla fine sono partita proprio per sfidare una delle condanne di quei paesi, l'isolamento, per dimostrare “io non ho paura”, io sono con voi”. Arrivata a Beirut, all’inizio, Cecilia si è mossa con circospezione e si è stupita nel vedere le ragazze libanesi truccatissime e curate, con le unghie laccate, i jeans attillati e le magliette che lasciano scoperte buona parte della schiena e della pancia. Il viaggio comincia così, con lo stupore. Tra la tortura degli orari da rispettare e i chilometri da consumare a pedalate, nel racconto di Cecilia, però, lo spazio del racconto comincia lentamente a riempirsi di donne, donne siriane e giordane, donne iraniane e donne turche. Sono le 250 cicliste. E anche Cecilia e Silvia, le italiane, hanno la loro divisa: calzoncini a pinocchietto e gilet azzurri. Il viaggio parte da Beirut, passa per il Libano, la Siria (Damasco), la Giordania, il Mar Morto, per arrivare in Palestina (550 chilometri in bicicletta).

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati