Buccoliero: “Giù le mani dai carabinieri”

Il consigliere regionale interviene duramente sulle minacce al comandante della stazione dei carabinieri di Monteroni

Il consigliere Buccoliero esprime la propria solidarietà a Carlo De Pascalis, comandante della stazione dei carabinieri di Monteroni e destinatario di alcune scritte minacciose. “Nessuno si illuda di fermare con vigliacche minacce anonime, il costante lavoro dei carabinieri e di tutti coloro che operano, quotidianamente, in favore della legalità. Esprimo vicinanza umana e professionale al comandante della stazione dei carabinieri di Monteroni, Carlo De Pascalis, rinnovando a lui e a tutti gli uomini della stazione la gratitudine per un servizio di costante vicinanza ai cittadini” È quanto dichiara il consigliere regionale e portavoce di Alleanza Puglia, Antonio Buccoliero, che in mattinata si è recato alla stazione dei carabinieri di Monteroni, portando personalmente la sua solidarietà al comandante, il maresciallo Carlo De Pascalis, che nei giorni scorsi, è stato fatto destinatario di alcune frasi minatori scritte con lo spray su alcuni muri del paese. “Al di là che si tratti di una bravata o di una reale minaccia, poco importa – prosegue Buccoliero – dal momento che episodi di questo genere devono essere prontamente stigmatizzati dalle istituzioni e da quanti hanno davvero a cuore la crescita civile e democratica di un territorio. Conosco molto bene la comunità di Monteroni, che in passato, come altre realtà del nord Salento, ha vissuto un lungo periodo buio, caratterizzato da episodi di violenza, sopraffazione e illegalità, gestiti dalla criminalità organizzata. L’impegno costante delle Forze dell’Ordine, delle istituzioni e dei tanti cittadini onesti ha permesso non solo di sradicare quella realtà criminale, ma ha offerto a Monteroni e ai suoi abitanti un nuovo futuro di crescita civile e democratica. Questo non vuol dire, tuttavia, che si debba abbassare la guardia, perché i tentavi della criminalità organizzata di riprendere il potere, creando un clima di paura e di violenza, sono sempre in agguato. Per questo il quotidiano e preventivo lavoro dei carabinieri è in funzione di una legalità che deve essere costantemente salvaguardata e sostenuta. Ogni becero tentativo di intimidazione o di violenza, fosse anche la stupida scritta minatoria affidata a qualche muro del paese, deve avere la ferma, unanime, pubblica e immediata condanna da parte delle istituzioni e della cittadinanza, perché anche il comodo silenzio può agevolare i progetti di qualche mente malsana. Al maresciallo De Pascalis e ai suoi uomini – conclude Buccoliero – rinnovo, pertanto, la mia stima e la mia vicinanza per il loro quotidiano servizio in difesa della legalità e della giustizia”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!