Schianto in moto. Muore 27enne

Il giovane, di Botrugno, è finito con la moto contro un’auto in manovra. Si è spento al “Vito Fazzi” dopo quattro ore di agonia

Con la sua potente motocicletta, una Yamaha F06, stava viaggiando in pieno centro a Botrugno per recarsi verso San Cassiano. Ma all’improvviso qualcosa è andato storto. Sulla sua traiettoria Danilo Ragusa, 27 anni, sergente dell’esercito, ha notato un’auto che faceva manovra. Ha immediatamente frenato, spingendo d’istinto il piede sul pedale. Ma ciò non è bastato ad evitare lo scontro. La moto ha effettivamente bloccato le ruote, ma ha continuato a scivolare sull’asfalto, fino a raggiungere la Fiat Panda guidata da un pensionato del posto. L’impatto è stato molto violento. Il fragore provocato, altrettanto. Subito tanta gente si è riunita per strada. I primi passanti hanno chiamato il 118 che hanno trasportato il giovane presso l’ospedale di Scorrano; da lì è stato successivamente condotto al “Vito Fazzi” di Lecce, nel reparto di Rianimazione. Le sue condizioni sono apparse subito molto gravi. Per quattro ore Danilo ha lottato contro la morte. Ma purtroppo si è spento attorno alle 19. lascia i genitori e due fratelli più piccoli, di 25 e 17 anni. Sulla dinamica dell’incidente indagano i carabinieri della Compagnia di Maglie.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!