Zazzera: “E' imbarazzante che Fitto sia ancora ministro”

Pierfelice Zazzera difende la candidatura di Lorenzo Nicastro e attacca il ministro Fitto

Il Coordinatore Regionale dell’IDV Pierfelice Zazzera risponde al Ministro Fitto sulle pomiche seguite alla candidatura di Lorenzo Nicastro. “Il Ministro Fitto sembra troppo preoccupato della candidatura del dott. Nicastro. E’ la reazione di un governo che guarda ai magistrati come nemici, che intende metterli al muro davanti a un plotone di esecuzione. Il Ministro Fitto dice di essere tranquillo, e lo siamo anche noi perché vogliamo parlare dei problemi della Puglia, quelli che Fitto negli anni passati non è riuscito a risolvere, quei problemi che da Ministro ha persino aggravato visto che ha fatto bloccare 4 miliardi di euro di fondi FAS destinati allo sviluppo delle infrastrutture della Puglia. E’ imbarazzante che Raffaele Fitto sia ancora Ministro di questa Repubblica. Fitto non prova imbarazzo a rappresentare il nostro paese, pur essendo stato raggiunto da provvedimenti giudiziari gravi per reati contro la pubblica amministrazione – aggiunge Zazzera – Raffaele Fitto non prova alcun imbarazzo nel leggere probabilmente quelle intercettazioni telefoniche dell’inchiesta sulla protezione civile dove ministri di governo incontrano esponenti di Cosa Nostra. Noi non solo siamo imbarazzati, ma disgustati”. “A Raffaele Fitto invece diciamo che non siamo per niente imbarazzati, ma siamo orgogliosi di poter rappresentare i pugliesi attraverso la voce di un magistrato indipendente, visto che – come afferma lo stesso Fitto – ha indagato a destra e a sinistra. Ecco vorremmo nelle liste più candidati come Nicastro e meno come Fitto, vorremmo più persone perbene e meno pregiudicati”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!