Lavoro nero. Settimana calda

Numerosi casi di lavoro nero o irregolare sono stati individuati la scorsa settimana dalla Direzione provinciale del Lavoro di Lecce

Persiste l'azione di contrasto al lavoro nero da parte degli ispettori del Lavoro e dei carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro in servizio presso la Direzione Provinciale del Lavoro di Lecce. Ai numerosi provvedimenti di sospensione adottati nei primi 40 giorni del 2010, ha fatto seguito, nella scorsa settimana, un ulteriore giro di vite sostanziatosi nell'emanazione di ben sette provvedimenti interdittivi dell'attività lavorativa nei confronti di altrettante imprese. I numeri parlano chiaro. Sono stati emanati sette provvedimenti di sospensione dell'attività imprenditoriale; dei 35 lavoratori irregolari identificati, nove sono risultati totalmente in nero; sono stati notificati 27 illeciti amministrativi per violazioni inerenti il corretto avviamento al lavoro; due imprenditori sono stati segnalati all'Autorità giudiziaria per violazioni in materia di sicurezza del lavoro. Le sanzioni comminate ammontano ad un totale di 50.511 euro. Le aziende sanzionate appartengono prevalentemente al settore dell'edilizia, ma sono state coinvolte anche una panetteria, un pub/pizzeria ed un’autocarrozzeria, in differenti Comuni della Provincia. “La capillarità e l'entità del fenomeno elusivo – ha commentato Giocondo Lippolis, il coordinatore della Direzione provinciale del Lavoro – non consentono minimamente di abbassare la guardia e inducono a ritenere come sia sempre più necessaria la presenza degli organi ispettivi sull'intero territorio”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!