Carnevale. Ha vinto la pioggia

Casarano. Il tanto atteso “Carnevale della Fantasia” è rimandato a domani e domenica. Tempo permettendo

Il “Carnevale della Fantasia” sconfitto dalla pioggia. C’era grande attesa a Casarano, ma come era ampiamente prevedibile le avverse condizioni atmosferiche hanno anato la prima sfilata della manifestazione che si doveva tenere ieri pomeriggio. Sin dalle prime ore della mattina, l’associazione “Amici del Carnevale”, organizzatrice dell’evento, aveva avvertito telefonicamente tutti i partecipanti alla sfilata che la manifestazione non si sarebbe tenuta. Gli organizzatori, quindi, hanno rimandato la prima sfilata a domani pomeriggio (dalle ore 14); mentre la seconda e conclusiva giornata è stata spostata a domenica prossima, tradizionale giorno della “pentolaccia”. Ma anche per domani pomeriggio si prevede pioggia, seppure non così intensa come ieri, e c’è il rischio di un ulteriore rinvio. Qualcuno aveva proposto di sfilare oggi (il meteo prevede cielo sereno) e domani (o, eventualmente, domenica), ma gli organizzatori hanno disposto diversamente. I circa 2mila figuranti della XIII edizione del “Carnevale della Fantasia” si raduneranno domani pomeriggio nella zona commerciale di viale Ferrari (angolo via Alto Adige), nei pressi dell’ospedale, per la partenza della prima sfilata. Carri allegorici (quattro), gruppi (undici) e coppie (quattro) mascherate sfileranno per circa 2 chilometri lungo le principali strade della città fino a piazza Indipendenza. Si diceva dell’attesa per le proposte dei partecipanti alla manifestazione. Sono i gruppi mascherati il “piatto forte” del “Carnevale della Fantasia”, sempre più colorati e sempre più numerosi. C’è curiosità particolare quest’anno perché, per la prima volta, in questa categoria partecipano tutte le cinque parrocchie della città, e la rivalità tra i loro figuranti, com’è giusto che sia, è molto sentita. Il presidente dell’associazione, Ippazio Pedone, ha voluto ringraziare particolarmente l’amministrazione comunale che “quest’anno, rispetto al passato, ci è stata più vicina”.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati