Gran carnevale a Surbo

Giunge alla seconda edizione la sfilata di carnevale organizzata dal comune di Surbo che quest'anno vanta quattordci carri allegorici

Grande partenza alle 15.00 di oggi con la grande sfilata di carnevale (in caso di maltempo, la manifestazione sarà rinviata al 16 febbraio), organizzata dall’Amministrazione Comunale di Surbo, con il patrocinio dell’Unione dei Comuni del Nord Salento, e giunta – grazie al successo dello scorso anno – alla II edizione. La Grande Sfilata partirà dalla zona Rene (nei pressi della Scuola Media), per proseguire nelle vie cittadine e terminerà, con un gran finale, in via Brenta (nei pressi della Chiesa S.Lucia). Quest’anno saranno 14 i carri allegorici allestiti dalle locali associazioni: -La casa del grande fratello e sorella – Ass.ni Ada Dance, le Rene, Jole Bissanti -Surriscaldamento globale – Circolo Culturale Femminile, La piscialetta -Fate e folletti – Coop. June Flower -Biancaneve e i sette nani – Ass.ne Residence Due Colonne -L’Anziano agricoltore – Ass.ne Anziani in Movimento -Disco music anni ’80 – Parrocchia S. Lucia, Gruppo Giovanissimi -L’Ambiente – Parrocchia Santa Maria del Popolo -Lo Spaventapasseri – Ass. Marco 6,31 -Il flauto magico – Scuola Media “E. Springer” -Ninja – A.S.D. Buda Rjunosi -La terra te lu Salentu – A.S.D. Frimarc Sport -Il calcio italiano – A.S.D. Green soccer -La casa di Tutti – Ass.ne Avis. “I Carri allegorici – spiega il sindaco Capone – sono stati allestiti dalle locali associazioni con il coordinamento dell’Assessore ai Servizi Sociali Sandro Frisenna e del cons. delegato Giovanni Caretto. Lo scorso anno la nostra cittadina ha visto sfilare per le vie del paese sbandieratori, saltimbanchi e 10 carri allegorici (satira politica ed i temi sociali) e il numerosissimo pubblico presente – al di là di ogni rosea previsione – ci ha incoraggiato a ripetere l’iniziativa, come dimostra anche l’aumento dei carri allestiti, tutti di pregevole fattura”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!