Nasce ad Alessano la Scuola della pace

Su iniziativa della Fondazione Don Tonino Bello, un punto di riferimento per promuovere solidarietà, pace e non violenza

Un luogo in cui associazioni, nuove e vecchie generazioni, possano trovare un momento di aggregazione alla luce dei principi di solidarietà e accoglienza. Su questo proposito nasce la “Scuola della pace”, iniziativa promossa dalla Fondazione Don Tonino Bello di Alessano, da anni impegnata nella promozione di iniziative pastorali e sociali volte allo sviluppo di una cultura della pace e della solidarietà. La Scuola verrà inaugurata oggi ad Alessano, presso la sala convegni Benedetto XVI a partire dalle ore 9, nell'ambito dell'iniziativa “Operatore di pace si diventa” a cui saranno presenti il Vescovo di Ugento mons. Vito De grisants, il Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola, il presidente della provincia Antonio Gabellone, e durante cui interverranno tra gli altri il Prof. Vittorio Prodi-Europarlamentare già presidente della Scuola di Pace di Marzabotto, Don Luigi Ciotti, Presidente di “Libera” e Mons. Luigi Bettazzi, Vescovo emerito di Ivrea-già Presidente di Pax Christi. La scuola avrà sede in un edificio in Piazza Don Tonino Bello ad Alessano, acquistato e ristrutturato dalla Fondazione grazie ai contributi del 5 per mille, e si farà promotrice di iniziative di formazione ed educazione alla pace, alla trasformazione nonviolenta dei conflitti, al rispetto dei diritti umani, per la convivenza pacifica tra popoli e culture diverse, per una società senza xenofobia, razzismo ed ogni altra violenza verso la persona umana ed il suo ambiente. Rapporto privilegiato sarà quello con il mondo scolastico, con l'obiettivo di creare una rete di istituti in tutta Italia che possa facilitare la diffusione dei principi di educazione alla pace, alla cooperazione e all'economia non violenta, anche tramite l'ausilio di un'apposita sala attrezzata per videoconferenze per l'abbattimento delle distanze geografiche. Sono molte infatti in tutta Italia le scuole, associazioni ed istituzioni che contattano la Fondazione chiedendo di presentare la figura di Don Tonino Bello. L'intento della Scuola – che vuole porsi come un centro studi capace di interagire nell'ambito di un Mediterraneo sotto il segno della non violenza – è anche quello di avviare una collaborazione con la Scuola della pace di Marzabotto, la più antica d'Italia. Molte le prospettive che la Scuola di Alessano ha di fronte. In progetto c'è anche l'avvio di un percorso comune con Libera e Pax Christi – associazioni attive sui temi della pace e della solidarietà – da cui potrebbe partire la composizione di un tavolo che avrà come riferimento la Marcia Perugia-Assisi del maggio prossimo. Volontà della Scuola è anche costituire un Comitato scientifico attraverso cui saranno messe in atto le iniziative da svolgere nei prossimi mesi.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!