Il Modena rallenta la fuga del Lecce

GUARDA I VIDEO. Solo un pari per i giallorossi nella sfida casalinga con la formazione modenese. I salentini conquistano comunque il primato solitario in classifica

I sogni di fuga del Lecce si infrangono contro il muro di un Modena sbarcato in Puglia con la chiara intenzione di portare a casa uno “zero a zero” utile al morale e alla classifica, specie al cospetto della prima della classe. I giallorossi non approfittano così degli scivoloni interni di Sassuolo (fermato da un ottimo Gallipoli), Cesena e Ancona, pur conquistando il primo posto solitario in classifica. Quella con gli emiliani si prospettava sulla carta una gara difficile e così è stato. I canarini si sono limitati a coprire il campo affidandosi a sporadiche ripartenze. Apolloni, indimenticato centrale del Parma e della Nazionale, ha disegnato la sua formazione con un più che difensivistico 5-4-1, che ha creato pochi spazi e molti problemi ad un Lecce apparso comunque meno brillante e incisivo delle ultime uscite. La squadra di De Canio non è quasi mai riuscita a creare profondità e velocità alla manovra d’attacco, affidandosi per lo più a cross facile preda della difesa modenese. Corvia e soprattutto Marilungo non sono mai riusciri ad impensierire Narciso, se non su un’uscita a vuoto del numero uno modenese, Neanche l’ingresso di Di Michele, al suo secondo gettone di presenza con la maglia giallorossa, è servito a cambiare le sorti dell’incontro, con i padroni di casa che hanno recriminato su di un possibile atterramento di Mazzotta. Il Lecce porta comunque a sei lunghezze il vantaggio sul gruppetto delle terze, con un Brescia che continua a racimolare punti e a scalare posizioni. Lunedì sera la compagine salentina è attesa dall’insidiosa trasferta di Crotone.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!