Gli studenti del “Costa” insegnano come “illuminare di meno”

In occasione della campagna “M'illumino di meno”, gli studenti dell’istituto commerciale leccese hanno realizzato un opuscolo ricco di preziosi consigli

Consigli utili per risparmiare luce, acqua, gas, carburante e rifiuti. Nella Giornata del risparmio energetico, gli studenti dell’istituto commerciale «Costa» di Lecce, hanno diffuso un opuscolo ricco di preziosi suggerimenti, dal titolo «Save our energy». In 24 pagine, la pubblicazione raccoglie consigli «scontati» (ma nemmeno tanto), come quello di spegnere le luci quando si esce da un ambiente o quello di non lasciare scorrere acqua dal rubinetto inutilmente, e altri meno «intuitivi», come quello di preferire l’utilizzo di un forno a microonde anziché quello elettrico. I testi sono anche in lingua inglese, con la traduzione a cura della docente Elisabetta D’Errico. I ragazzi del «Costa» hanno svolto tutto il lavoro coinvolgendo anche i loro «colleghi» più giovani della scuola media «Dante Alighieri» di Lecce. Scrivono in apertura: «Questo opuscolo vuole aiutarti a ridurre i consumi di energia. Se impariamo tutti a risparmiare energia: 1) rispettiamo di più l’ambiente; 2) conserviamo il pianeta per i nostri figli e nipoti; 3) contribuiamo all’economia globale; 4) …e risparmiamo tanti soldi nelle nostre tasche!» Il lavoro è realizzato in occasione della sesta edizione della campagna «M’illumino di meno» promossa dalla trasmissione radiofonica Caterpillar di Rai Radio 2. La mobilitazione prevede lo spegnimento simbolico dei più noti monumenti e delle principali piazze cittadine italiane e, contestualmente, invita privati cittadini, aziende, negozianti, scuole, ristoranti, palestre e associazioni d’ogni tipo a «premere l’interruttore Off».

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!