Gallipoli, parla D'Odorico

Il presidente della società jonica difende il suo operato e attacca la vecchia dirigenza

Non si sono ancora spente le polemiche che hanno infiammato gli ultimi giorni del Gallipoli calcio, anche se presidente, allenatore e giocatori provano a voltare pagina e concentrarsi su una salvezza ancora tutta da conquistare: “Nell'ultimo incontro si è sancita la grande unità di intenti tra la società e la squadra, con cui abbiamo la ferma intenzione di giungere al termine del campionato per conseguire una salvezza storica per il Gallipoli Calcio nella serie cadetta” ha dichiarato il presidente D'Odorico. “Pur assumendomi la responsabilità delle tante difficoltà con cui quotidianamente stiamo proseguendo il nostro campionato, in riferimento al comunicato dei calciatori avverto soltanto l’esigenza di puntualizzare che il sottoscritto non ha mai, e poi mai, emesso a sua firma alcun assegno senza la dovuta copertura. Parla per me la mia storia imprenditoriale e quella della mia famiglia, una storia a cui tutti possono attingere per verificare la veridicità di questa affermazione. Ciò che è successo a Gallipoli è stato un errore tecnico della vecchia dirigenza, a causa del quale io, stesso l’ho rimossa in toto poiché ho ritenuto l’accaduto cosa gravissima e inaccettabile. Ma trovo altrettanto grave accostare tali azioni scellerate al mio nome. Quanto poi ai problemi del campo, dello stadio, degli spogliatoi, delle docce, dell’acqua calda e dell’acqua fredda (sempre cose di inaudita gravità per professionisti che calcano i campi delle serie cadetta) mi piacerebbe evidenziare, anche in questo caso, che tali questioni dovrebbero riguardare ben altri destinatari”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!