L'assistenza per migranti e rifugiati è On the road

Il progetto della Provincia “On the Road” porterà in strada medici, assistenti sociali e avvocati a bordo di un camper

Un servizio di assistenza «on the road» per la tutela della salute e dei diritti degli immigrati. Entro l’estate, un’équipe formata da mediatori socio-culturali, psicologi, medici e avvocati, salirà a bordo di un camper che girerà il Salento per raggiungere direttamente gli stranieri – migranti e rifugiati – in difficoltà o semplicemente in cerca di un consiglio. Tutto questo accadrà in strada, quindi, o nei luoghi di aggregazione strutturata o non. Obiettivi specifici del progetto a cura dell’ Istituto di Culture mediterranee della Provincia e finanziato con 500 mila euro, sono quelli di accogliere, ascoltare, decodificare le istanze dei cittadini stranieri, metterli in collegamento con gli operatori, mappare i servizi e facilitarne l’accesso, contrastare sentimenti di razzismo, promuovere relazioni collaborative fra le amministrazioni e gli stranieri presenti sul territorio con lo scopo di favorirne il graduale inserimento sociale. Collaborano all’iniziativa, l’Università Popolare di Roma, il Consiglio italiano per i rifugiati, Lila (Lega Italiana Lotta Contro l’Aids) e Centro studi Kairòs . Il camper sarà in costante collegamento con gli sportelli socio-sanitari per gli immigrati (presto attivi come previsto dai Piani sociali di Zona), dove sarà attivato anche un numero verde per le segnalazioni di situazioni critiche, e con i mediatori presenti negli Ambiti di zona e presso i Centri per l’Impiego. Presso lo sportello Immigrati – Servizi immigrazione Salento, inoltre, verrà costituito un ufficio di coordinamento composto da personale altamente qualificato, individuato dai partner del progetto, che dopo un’analisi delle segnalazioni, andrà ad individuare l’intervento più opportuno da attuare. L’ufficio di coordinamento, sulla base delle segnalazioni ricevute e dei rapporti dell’équipe di bordo, pianificherà e attiverà così i diversi servizi, giuridici, burocratico- amministrativi, medico- sanitari e linguistico- culturali. «Per la prima volta nel Salento – tiene a sottolineare l’assessore provinciale alle Politiche sociali Filomena D’Antini Solero – sarà attivata un’ unità di strada per migranti e rifugiati che raggiungerà direttamente i bisogni dei cittadini stranieri presenti sul nostro territorio; l’azione sarà concentrata soprattutto nel periodo estivo che registra una presenza più massiccia di lavoratori stranieri stagionali».

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati