La Puglia prende l'ultimo treno della memoria

Parte domani da Bari l’ultimo treno della memoria 2010. I 750 ragazzi partecipanti saranno accompagnati dalla buona musica del cantautore Daniele Silvestri

Domani partirà da Bari l’ultimo treno della sesta edizione del Treno della Memoria al quale prenderanno parte più di 750 ragazzi pugliesi e calabresi. Si tratta di un viaggio “formativo” alla scoperta dei luoghi della memoria, teatro dello sterminio degli ebrei col fine di sensibilizzare i ragazzi e farli riflettere sull’atrocità di questo avvenimento. Si parla di Auschwitz e Birkenau, due tra i campi di concentramento più conosciuti. Prima della partenza i partecipanti assisteranno all’assemblea che si terrà alle ore 9 al Teatro Petruzzelli di Bari dove interverranno Nichi Vendola, presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, sindaco di Bari, Simona Manca, vicepresidente della provincia di Lecce, Oliviero Alotto e Michele Curto, presidenti di Terra del Fuoco, Paolo Particchio, presidente di Terra del Fuoco-Maditerranea. Viaggerà insieme ai ragazzi anche il cantautore Daniele Silvestri che in occasione terrà un concerto sul treno per Cracovia il 15 febbraio. “Se voi volete andare in pellegrinaggio nel luogo dove è nata la nostra Costituzione, andate nelle montagne dove caddero i partigiani, nelle carceri dove furono imprigionati, nei campi dove furono impiccati. Dovunque è morto un Italiano per riscattare la libertà e la dignità, andate lì, o giovani, col pensiero, perché lì è nata la nostra Costituzione.” (Piero Calamandrei, Discorso ai giovani sulla Costituzione nata dalla Resistenza. Milano, 26 gennaio 1955)

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!