Boc, un affare sbagliato

Per il professor Curachi, il consulente tecnico nominato dal sindaco Perrone, l'operazione non porterebbe alcun vantaggio al Comune

Quella dei Boc, i Buoni obbligazionari comunali, non è stato un buon affare per il Comune di Lecce. A sostenerlo è il professor Paolo Cucurachi, SDA Professor e Professore ordinario di Economia degli intermediari finanziari nell'Università del Salento, nominato consulente dal sindaco Perrone per verificare le circostanze per un eventuale rinegoziazione del contratto di Boc e dei contratti derivati. Nella relazione tecnica consegnata dall’illustre docente, non emergerebbe dall’operazione alcun vantaggio per le casse di Palazzo Carafa. Quella dei buoni obbligazionari, aggiudicati nel 2005 dal gruppo Deutsche Bank per 100 milioni di euro, non fu dunque quel capolavoro di finanza creativa tanto decantata dall’ex dirigente del servizio economico finanziario del capoluogo salentino: Giuseppe Naccarelli. E’ stato lo stesso Cucurachi a suggerire al sindaco di rinegoziare la vendita dei buoni, una misura necessaria ad evitare ripercussioni sulla situazione finanziaria del Comune. Sulla vicenda indaga anche la Procura di Lecce, in un fascicolo che è in parte scaturito dall’inchiesta condotta dal sostituto procuratore Marco D’Agostino (ora a Trani). Il procuratore aggiunto Antonio De Donno e gli uomini del Nucleo Tributario della Guardia di Finanza sono al lavoro per accertare eventuali responsabilità e convenienze imputabili al consulente giuridico dell’ex sindaco Poli Bortone, Massimo Buonerba e dell’allora assessore Ennio De Leo. Un’inchiesta che per attori, copione e location ricorda molto da vicino quella di via Brenta e che rischia di riscrivere la storia della passata amministrazione comunale.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati