Bilanci di previsione delle scuole. Ne discutono i sindacati

Si svolgerà domani a Corigliano d’otranto l’assemblea sindacale indetta da Flc Cgil, Cisl e Uil per discutere del programma annuale 2010 (bilanci di previsione) come richiesto dal Ministero dell'Istruzione

I sindacati Flc Cgil, Cisl e Uil hanno indetto per domani a Corigliano d’otranto (ore 10.30 presso l’auditorium dell’istituto comprensivo, in via Peschiulli), un'assemblea sindacale per discutere del programma annuale 2010 (bilanci di previsione) ai sensi della direttiva del Ministero che invita le scuole a redigere detti bilanci senza somme per il finanziamento amministrativo e didattico. “Il Ministero dell'Istruzione – fanno sapere i sindacati – con una nota datata 14 dicembre ha fornito le istruzioni per fare il programma annuale 2010 assegnando loro una dotazione finanziaria irrisoria, invitandole ad arrangiarsi come meglio possono, anche predisponendo i bilanci senza rispettare le regole di contabilità vigenti. È il caso ad esempio dei residui attivi che si suggerisce di considerare come “disponibilità da programmare”. Tutto questo non è giusto nei confronti di migliaia di colleghi Dirigenti scolastici e Direttori dei servizi, ma soprattutto è un colpo mortale alla gratuità del servizio pubblico voluto dalla Costituzione e all'autonomia scolastica. La Flc è convinta che le scuole non possano subire passivamente decisioni calate dall'alto, e per di più sbagliate, da chi non conosce lo stato reale della situazione e le mille difficoltà di gestione, amministrazione e organizzazione di un servizio che si rivolge a bambini e ragazzi in formazione. L'esigenza di dare voce alle scuole è scaturita anche dalle moltissime richieste di supporto che ci sono arrivate dopo la pubblicazione sul nostro sito del documento di analisi sul programma annuale 2010. Così è nata l'idea di un punto di ascolto on line per raccogliere i contributi dei colleghi Dirigenti scolastici e Direttori dei servizi e dare visibilità alle varie iniziative che le scuole autonome assumeranno sul tema”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!