Ugento: al via il progetto Mo.S.TE.L.S

Approvato il progetto per realizzare un sistema di monitoraggio satellitare per individuare eventuali discariche abusive e monitorare fenomeni di abusivismo edilizio e di danni al patrimonio ecologico e archeologico

Grande soddisfazione da parte dell’amministrazione comunale di Ugento per l'approvazione, nell’ambito del Programma Operativo Nazionale “Sicurezza per lo Sviluppo, Obiettivo convergenza 2007-2013”, del progetto denominato “Mo.S.TE.L.S. – Monitoraggio satellitare del territorio per la Legalità e la Sicurezza”, con un finanziamento complessivo pari ad € 133.086,88. Con il Mo.S.TE.L.S. sarà possibile dotare l’ente di un efficace sistema di monitoraggio satellitare finalizzato al contrasto dell’illegalità e al potenziamento della salvaguardia ambientale, attraverso il perseguimento dei seguenti obiettivi: Controllo dell’abusivismo edilizio; individuazione delle discariche abusive di rifiuti; monitoraggio dell’espianto illegale degli uliveti secolari e monumentali; valutazione dei danni da incendio; variazione della linea di costa; monitoraggio delle concessioni demaniali e dei danni al patrimonio ecologico e archeologico. Si tratta di uno straordinario risultato che si aggiunge agli altri due conseguiti di recente ed aventi per oggetto, rispettivamente, la videosorveglianza urbana (importo riconosciuto pari a € 700.000,00) e il finanziamento accordato per un importo pari ad € 150.000,00 finalizzato alla ristrutturazione e rifunzionalizzazione dell’immobile, confiscato alla criminalità organizzata, ubicato in località Fontanelle, e destinato ad ospitare minori in condizioni di disagio. Risultati ottenuti grazie anche all'impegno del Sottosegretario di Stato all’Interno con delega alla p.s. On.le Alfredo Mantovano e dell'Ufficio Territoriale del Governo – Prefettura di Lecce nelle persone di S.E. il Prefetto dott. Mario Tafaro e alla sua Vice dott.ssa Beatrice Mariano, attraverso il decisivo sostegno garantito alle suddette iniziative. I contenuti di ogni singolo progetto saranno illustrati alla cittadinanza in occasione di incontri pubblici.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!