Enel alla Provincia: “Nessuna chiusura su Cerano”

Questa mattina il presidente Gabellone ha incontrato i vertici dell'Enel: dall'azienda nessuna chiusura alla partecipazione della Provincia al tavolo per Cerano

Dopo lo scambio di informazioni e missive dei giorni scorsi, il Presidente della Provincia di Lecce Antonio Gabellone ha ricevuto oggi a Palazzo Adorno i vertici dell’Enel, rappresentati da Donato Leone, responsabile Macro Area Sud dell’azienda. L’Enel, dopo aver illustrato tutti i progetti aziendali destinati nell’immediato all’abbattimento delle emissioni di polveri nell’aria del Nord Salento, ha dimostrato e manifestato la sua ampia disponibilità ad ospitare anche il contributo della Provincia di Lecce nel tavolo istituzionale che sta definendo nuovamente i contenuti delle convenzioni che regolamentano l’attività della centrale di Cerano. “Resta inalterata”, ha commentato Leone a margine dell’incontro, “la volontà dell’Enel di coinvolgere nei processi decisionali anche i territori della provincia nord del Salento che hanno scelto di farsi rappresentare unitariamente dal Presidente della Provincia di Lecce. È pacifico, inoltre, che tale apertura alla partecipazione dell’Amministrazione Provinciale leccese debba arrivare dalla Regione Puglia”. Soddisfatto dell'incontro, il presidente della Provincia ha commentato: “Accogliamo questo momento di unitarietà d’intenti e di medesimi convincimenti con estremo favore; dall’Enel nessun ostruzionismo né ostracismo nei confronti della Provincia di Lecce, per cui resta ancor più ferma la volontà di arrivare ad un coinvolgimento al tavolo istituzionale, una partita per noi tutt’altro che chiusa, soprattutto in considerazione degli indiscussi interessi ambientali del territorio che rappresento”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!