D'Agata, dell'Idv: “Salviamo il pane di qualità, una risorsa del Salento”

La denuncia del Dipartimento di tutela del consumatore dell'IdV riguarda alcuni panificatori salentini che non rispetterebbero la normativa nazionale

Per la produzione del pane la normativa nazionale sancisce che è possibile utilizzare sia farine di grano tenero sia farine “integrali” di grano tenero, con caratteristiche ben definite per quanto riguarda l'umidità, il contenuto in ceneri ed il contenuto in proteine; eguale classificazione e definizione opera relativamente ai derivati del grano duro. La legislazione nazionale, tuttavia, non tiene conto del fatto che nel settore della panificazione esistono alcune pratiche locali che conducono a produzioni che non possono esser considerate pienamente conformi a questa classificazione, come denuncia il Dipartimento tutela del consumatore di Italia dei Valori. “Ciò accade nel Salento – denuncia Francesco D'Agata, componente del dipartimento dell'Idv – dove i panificatori locali denominano “farina di grano duro” e quindi “pane di farina di grano duro” il prodotto (detto “tipico”) che presenta un contenuto di “ceneri” (indice del contenuto in sostanze minerali totali) compreso comunemente fra i limiti 0,9 – 1,35 % . A tali caratteristiche dello sfarinato si giunge in quanto per tradizione i molini locali, di piccole dimensioni, non operano durante la molitura l'estrazione della semola, proponendo un prodotto che per qualità e caratteristiche organolettiche è diverso dal prodotto “tipico” e non è certamente in regola con la normativa in materia. Considerazioni di tal genere convincono alcuni molini produttori di sfarinati atti alla produzione di pane di grano duro tipico Salentino a richiedere una revisione delle classificazioni di legge degli sfarinati di grano duro. Sono state presentate, da parte di alcuni operatori del settore, varie petizioni rivolte alle autorità di vigilanza ed ai responsabili delle politiche agricole regionali, con le quali si richiedevano interventi tesi a salvaguardare il pane salentino, evitando l'immissione su mercato di prodotti non conformi alle sue caratteristiche”. “Il Dipartimento tutela del consumatore di Italia dei Valori – prosegue D'Agata – ha a cuore la salute e l’incolumità dei consumatori, ed anche la tutela dei prodotti tipici salentini, che rappresentano un patrimonio del nostro territorio idoneo a portare, attraverso l’incremento del turismo, ricchezza e sviluppo. Occorre che tutti, istituzioni, politici, operatori del settore, collaborino perché si eviti il grave danno al pane salentino, quale prodotto tipico, escludendo dal mercato e dalla denominazione quei prodotti che non garantiscano le caratteristiche di gusto e di sicurezza che il pane salentino deve mantenere, ma occorre anche che si studino tutte le necessarie iniziative legislative e regolamentari perché si adatti la legislazione nazionale alla particolarità del prodotto salentino e delle sue esigenze”.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati