Lecce. Antiche danze per rivivere il sogno barocco

Oggi, presso il castello Carlo V di Lecce, antiche danze con fedeli costumi d'epoca per mettere in scena il “Sogno Barocco”

Il Circolo pugliese della “Società di danza”, guidato dalla direttrice artistica Assunta Fanuli, sarà tra i protagonisti del “Carnevale barocco alla corte di Lecce” organizzato dall’Assessorato alla Sanità e alla qualità della vita del Comune di Lecce e dalla Pro Loco cittadina. Il primo appuntamento in programma è per oggi, alle ore 11.00, nell’androne del Castello Carlo V, dove un gruppo di danzatori metterà in scena “Sogno barocco aspettando il Carnevale alla Corte di Lecce”: ricostruzione storica di antiche danze con costumi che riproducono fedelmente lo stile dell’epoca. Chi rimanesse affascinato dallo stile, dal garbo dei movimenti e degli sguardi, ha la possibilità di seguire un vero e proprio “laboratorio di danza storica”, che si terrà nei giorni 10, 11, 12 e 13 febbraio presso l’ex Convento di San Sebastiano (in collaborazione con la Fondazione Palmieri). Il laboratorio, a cura di Assunta Fanuli, è a numero chiuso e si articola in due turni (18/19.30 e 19.30/21) per gruppi distinti di 16-24 partecipanti. Le danze che si apprenderanno potranno essere realizzate all'interno del Gran Galà in programma per il 13 febbraio. Il contributo per la partecipazione alle quattro giornate di laboratorio è di 25 euro a persona. Danzatori associati al Circolo pugliese della “Società di danza” saranno infine presenti al “Gran Galà Barocco” previsto per il 13 febbraio all’hotel President. Info e prenotazioni: [email protected] tel. 339/3331613.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!