Sia Blasi sia Rotundo

“Non si calpesteranno i piedi”. Il Partito democratico non vuole rinunciare a candidarli entrambi. Luigino Sergio: “Non sono alternativi, sono complementari”

Scenderanno in campo entrambi, ma non si faranno la guerra. Sergio Blasi, segretario regionale del Pd, ed Antonio Rotundo, ex parlamentare e capo dell’opposizione al Comune di Lecce, saranno entrambi candidati per le Regionali pugliesi. E’ questo l’orientamento che dovrebbe prevalere nelle prossime ore presso i vertici del partito, che dovrebbero così propendere per una doppia discesa in campo. Del resto, le motivazioni le ha spiegate Luigino Sergio, sindaco di Martignano e presidente dell’Unione dei Comuni della Grecìa salentina, ovvero il bacino di riferimento dei due esponenti del Pd. Era stata proprio questa coincidenza di territorio d’appartenenza, in un primo momento, a sollevare dubbi circa l’opportunità di una doppia discesa in campo: i due big del Pd si sarebbero potuti fare la guerra, rubandosi i voti l’un l’altro, in una sorta di controproducente lotta interna. “Ammetto che i due hanno polemizzato anche con toni fin troppo aspri – ha dichiarato Sergio – ma è solo il sintomo della voglia di partecipazione. Io non credo a questa storia che possano pestarsi i piedi danneggiandosi a vicenda: Blasi e Rotundo non sono alternativi, ma complementari”. Sarà così. E intanto altri nomi di candidati certi stanno venendo allo scoperto. Sicuramente in campo ci saranno – sono le voci circolate fino ad ora – gli uscenti Antonio Maniglio, Enzo Russo e Loredana Capone e l’ex sindaco di Casarano Remigio Venuti. Una possibile partecipazione alla competizione potrebbe essere quella di Sandra Antonica, ex sindaca di Galatina e storica esponente del Partito democratico. “Aggiungerebbe un valore aggiunto alla lista – ha commentato Sergio – ma potrebbe ‘ingolfare’ il territorio. Eppure sarebbe un peccato non valorizzare la sua presenza, potrebbe essere la Adriana Poli Bortone del centrosinistra”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!