L’etoile Savignano e Tito Schipa jr. Ecco il dittico della Lirica

Domani sera per la Stagione Lirica andranno in scena “Il Campanello” con la regia di Tito Schipa jr e “Shéhérazade” del coreografo Fredy Franzutti

di Daria Ricci Sul podio l’Orchestra sinfonica “Tito Schipa” con il direttore Alessandro Sangiorgi. Un doppio appuntamento tra Lirica e danza. O meglio come dice Tito Schipa jr, che è il regista de “Il Campanello” di Donizetti, “una vera commedia musicale. Che quel genio di Donizetti propone ai suoi contemporanei, una farsa in musica che avrebbe deliziato i Petito. Le parti in prosa sono in napoletano stretto, e a leggerle si vede chiaro il sorriso divertito del maestro, mentre scrive in un dialetto non suo, ma che ha sempre amato alla follia”. Il lavoro viene proposto domani al Politeama Greco e in replica domenica 7 alle 18.00 e martedì 9 febbraio alle 20.45 (ancora disponibili i biglietti per le tre serate). Una Napoli ottocentesca e un povero Don Annibale. Un ex amante deluso dalla sua novella sposa. Nel cast il barese Domenico Colaianni (Don Annibale Pistacchio), Roberta Canzian (Serafina), il turco Cuneyat Unsai (Enrico), la foggiana Concetta D’Alessandro (Madama Rosa) e il salentino Enzo Pascal Pezzuto nelle vesti di Spiridione. Il Coro lirico di Lecce diretto dal maestro Pareti. I costumi di Adriana Ruvolo. Nella seconda parte del dittico, l’etoile della danza internazionale Luciana Savignano in “Shéhérazade”. “Torno a Lecce dopo molti anni – ha detto -. Ho ballato in questo teatro con il grande Jorge Donn. Sono emozionata. In scena la compagnia Balletto del Sud. Ecco i ballerini: Stefano Fossat nel ruolo di Sindbad, Alessandro De Ceglia è il Fachiro. Elena Marzano e Nicolina Karageorgieva saranno i Cobra. Aladino è Massimiliano Rizzo e Vito Lorusso. Il genio della lampada Calogero Failla. E ancora Paula Acosta nelle vesti di Zobeide. Il corsaro è interpretato da Carlos Montalvan.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!