La salma di Marra ritorna a Galatina

Farà ritorno oggi a Galatina per essere tumulato nel cimitero della sua città la salma di Sergio Marra, l'operaio che, avendo perso il lavoro, si è dato fuoco lo scorso sabato a Bergamo

Era originario di Galatina l’operaio che, avendo perso il posto di lavoro, sabato scorso si è dato fuoco nel Bergamasco. Ed a Galatina farà ritorno, oggi, la sua salma per essere tumulata, così come ha chiesto il padre dell’uomo, da diversi anni fuori dall’Italia, ma assai attaccato al suo luogo di nascita. Sergio Marra, 35 anni, si trovava a Bergamo da quattro anni. Lì viveva con la moglie Linda Sardo, disoccupata. Marra era stato operaio presso la “Elgicolor Plast Srl”, azienda di Ciserano, in provincia di Bergamo. Da agosto dello scorso anno non riceveva lo stipendio; non solo: l’azienda non gli versava neppure i cedolini paga, cosa che rendeva all’operaio praticamente impossibile dimostrare che stava continuando a lavorare presso lo stabilimento. Lo scorso novembre l’uomo aveva deciso di presentare dimissioni “per giusta causa” e si era rivolto alla Cgil di Bergamo per intraprendere una vertenza sindacale e richiedere gli stipendi arretrati che gli spettavano. Purtroppo, non avendo trovato occupazione nel frattempo, Marra è stato colto dalla disperazione arrivando al gesto estremo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!