Judo. Grande successo per il Trofeo del Salento

Centinaia di atleti in gara, il pubblico delle grandi occasioni ed un’organizzazione impeccabile hanno decretato il successo del 1° Trofeo del Grande Salento di Judo

Si è tenuto lo scorso fine settimana nel Palazzetto dello Sport di via Merine, a Lecce, il 1° Trofeo del Grande Salento di Judo. Il trofeo è stato organizzato da tre associazioni sportive delle provincie jonico-salentine ed ha visto la partecipazione di 900 judoka. La competizione ha preso il via sabato mattina con il Trofeo “Angeli del Sar”, intitolato ai caduti dell’incidente occorso in Francia ad un elicottero appartenente all’84° Stormo Sar di Brindisi, organizzato dall’Asd “Judo San Vito dei Normanni”. Riservato alle categorie Juniores e Seniores, il torneo ha visto trionfare, nel settore femminile, l’As Kodokan Lucania Brienza; nel settore maschile, invece, sul podio sono saliti Star Judo Club di Napoli, New Olimpic Center di Torre del Greco ed il Gruppo Sportivo delle Fiamme Gialle di Roma. Domenica mattina, infine, il prestigioso appuntamento con la gara “XVIII Città di Taranto” riservata agli Esordienti B maschili e femminili. Ad aggiudicarsi la prima tappa della manifestazione sono stati l’Airon Judo 90 di Palermo nel settore maschile e l’Asd Banzai Cortina Roma nel settore femminile. Tanti gli ospiti che hanno assistito alla gara: tra loro Girolamo Giovinazzo, bronzo alle Olimpiadi di Sydney e argento ad Atlanta, a Lecce in veste di allenatore del Gruppo sportivo della Guardia di Finanza, e Francesco Lepre, anche lui in gara a Sydney e 5° classificato ad Atene. «Sono molto contento per la grande partecipazione di atleti e per l’entusiasmo che ha dimostrato il pubblico – ha dichiarato il delegato leccese della Fijlkam, Gianfranco Marchello -. È raro vedere il Palazzetto gremito per una manifestazione di uno dei cosiddetti “sport minori”. Dal punto di vista tecnico, invece, sono molto soddisfatto per le prestazioni delle nostre società, capaci di piazzare i propri atleti in tutte le categorie. Non era facile visto che alla competizione hanno preso parte le associazioni più blasonate d’Italia: questo significa che il Salento è pronto non solo ad ospitare manifestazioni di un certo rilievo, ma anche a parteciparvi senza sfigurare».

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati