Pirp Casarano. Venuti: “Ne sono orgoglioso”

La soddisfazione di Remigio Venuti, ex sindaco di Casarano, per la sottoscrizione dell'accordo di programma per il recupero di contrada Botte

“La firma dell’Accordo di programma tra il presidente della Giunta Regionale Nichi Vendola e il sindaco di Casarano per la rinascita di Contrada Botte, oggetto del nostro Piano integrato per la riqualificazione delle periferie, non può che essere salutata con grande gioia e anche con un pizzico di orgoglio”. Così Remigio Venuti, ex sindaco di Casarano, attualmente consigliere comunale Pd, dopo l’approvazione definitiva e la firma dell’Accordo di Programma che dà il via ufficialmente agli interventi di riqualificazione urbana in una delle periferie più popolose e purtroppo degradate del paese. “Abbiamo lavorato su quel programma di riqualificazione con dedizione ed entusiasmo – ha detto Venuti – gomito a gomito con i cittadini, gli urbanisti, i tecnici, i pianificatori. Un lavoro di progettazione partecipata e condivisa, un vero e proprio laboratorio urbano, che l’Amministrazione guidata dal sindaco De Masi ha proseguito con sapiente determinazione e coerenza, e che oggi finalmente inizia a dare i suoi frutti. Esattamente come abbiamo immaginato insieme ai suoi abitanti, grazie alla professionalità e abnegazione dei tecnici comunali, contrada Botte avrà la sua area mercatale, un nuovo centro sociale, la realizzazione di case parcheggio, aree verdi, il parco lineare della ferrovia, il recupero degli alloggi residenziali Iacp. Otto milioni tra risorse pubbliche e private che per la nostra città rappresentano un modo forte di scommettere sul suo futuro, e che aprono quel programma di riqualificazione urbana di Casarano che nel passato ci ha visti impegnati in un lavoro silenzioso, ma non per questo meno intenso e proficuo. L’augurio è ovviamente di buon lavoro. Al sindaco De Masi, ai cittadini di Contrata Botte, alla città. Perché questo sia solo il primo momento di quella nuova Casarano che negli anni scorsi ci siamo impegnati a delineare e a costruire, e che adesso inizia a prendere forma”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!