Gli studenti salgono in cattedra

Autogestione: tra creatività e autonomia. La possibilità di scegliere chi e che cosa frequentare tra circoli musicali, fotografici, creativi, di attualità, cineforum. Ecco a voi la giornata tipo di un capeciano

Ogni anno nella settimana precedente alle vacanze natalizie Vito Papa, preside del liceo Capece di Maglie, concede a tutti gli studenti della scuola alcuni giorni di autogestione, durante i quali i ragazzi possono esprimere la loro creatività in modo istruttivo. La parte più importante della giornata autogestita è la frequenza nei circoli. Questi vengono organizzati dagli stessi studenti che li possono scegliere in base alle proprie preferenze. Anche nelle restanti ore le lezioni sono autogestite; ciò vuol dire che gli alunni possono proporre ai docenti argomenti da approfondire, o farsi interrogare se lo desiderano. Nell’ultima ora si svolge l’assemblea di classe, nella quale si espongono le attività svolte durante la giornata e inoltre si discute di argomenti che di solito vertono sulle problematiche giovanili o della società. L’ultimo giorno si tiene in genere l’esposizione dei lavori svolti dai ragazzi durante i giorni di autogestione. Quest’anno, oltre all’esibizione delle band della scuola (da segnalare una coinvolgente performance di flamenco, da parte di due studentesse) c’è stata una apprezzata performance degli Aprés la Classe. L’autogestione si è dimostrata agli studenti un’occasione per mettersi alla prova e per sentirsi autonomi dalle decisioni dei docenti. Non bisogna dimenticare infatti che la scuola è prima di tutto degli studenti e spetta quindi a loro organizzare le attività come meglio credono, almeno in questa settimana. Alessandra e Julia al mercatino di beneficenza dell UnicefLaura e Giulia in posa al mecatino dell Unicef Andrea e la sua chitarraMovimento alla consolle al circolo musicale Band della scuola in concertoEsibizione con la chitarra cineforumGli spettatori sono attenti Il rappresentante d istituto alle prese con la sua batteriaTobia che suona il basso Il circolo sulla storia della musica

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!