Centro buio? “Lampade difettose”

Una anomalia in alcune lampade. Sarebbe questa la ragione della quasi oscurità, a Casarano, di piazza San Domenico e limitrofi

“Un difetto nella costruzione delle lampade”. Secondo la ditta che ha realizzato l’impianto, sarebbe questa “l’unica anomalia” riscontrata nell’impianto della pubblica illuminazione del centro storico e che causa la quasi oscurità in piazza S. Domenico e nelle zone vicine, a Casarano. La “rivelazione” dell’impresa è stata sollecitata nei giorni scorsi dopo l’ennesimo contatto di Palazzo dei Domenicani per risolvere il grave problema, molto sentito dalla popolazione di Casarano. L’esecutivo, con una nota emessa ieri, rivela che “da tempo l’Amministrazione ha preso contatti con la ditta per sollecitare le verifiche tecniche ed i controlli necessari al fine di accertare le cause del malfunzionamento in termini di resa illuminotecnica”. L’argomento è oggetto di polemiche che durano da quando l’impianto è stato sostituito, riprese recentemente con un’interrogazione al sindaco, Ivan De Masi, da parte delle forze politiche di centro-destra. “Giova ricordare – si legge ancora nella nota del Comune – come l’ultimazione dell’impianto sia stata certificata il 19 giugno 2009, ad impianto già attivo da tempo, e come il 25 gennaio scorso quest’Amministrazione abbia chiesto alla ditta, per l’ennesima volta, un urgente intervento per la verifica del malfunzionamento dei corpi illuminanti installati in piazza San Domenico e nelle strade vicine, a seguito delle segnalazioni già intercorse”. In risposta alle sollecitazioni da parte dell’Amministrazione, proprio nei giorni scorsi la ditta ha comunicato che “l’unica anomalia riscontrata è legata ad un difetto di costruzione delle lampade”, impegnandosi tuttavia “alla soluzione immediata di tale anomalia, in totale garanzia e con spese a suo carico”, precisa la nota del Comune, aggiungendo che “nessun rilievo circa la sicurezza dell’impianto è stato sollevato in seguito all’intervento del difensore civico del 25 novembre 2008, poiché l’impianto è munito di apposito certificato di conformità”. “Ogni lampada difettosa sarà sostituita – ha assicurato il sindaco – e verranno adottati tutti gli accorgimenti occorrenti per dare maggiore luminosità al centro urbano della città. Ringrazio gli amici della minoranza per aver tenuto alta l’attenzione su una questione che, comunque, stavamo seguendo da tempo”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!