Più rispetto per i Dottori Agronomi e Forestali

Lettera di Antonio Bruno a difesa della categoria: Dottori Agronomi e i Dottori Forestali sono gli unici in grado di impedire l’uccisione del Paesaggio

Il Piano Paesaggistico della Puglia http://www.pianopaesaggisticopuglia.it/ non è ancora stato approvato ed ecco che arriva la Provincia di Lecce in soccorso manifestando formalmente la propria disponibilità ad assumere la delega per le funzioni in materia di paesaggio, in base al D. Lgs. 42/01 ed alla L.R. n. 20/09. Quindi presto la provincia di Lecce si doterà della commissione per il paesaggio art. 148 D.Lgs. 42/2004 che è composta da soggetti con particolare, pluriennalee qualificata esperienza nella tutela del paesaggio ed esprime parere nei procedimenti di cui agli art. 146, comma 7, 147 e 159 … Eppure ci siamo preoccupati noi Dottori Agronomi e Dottori Forestali quando abbiamo appreso che la via pugliese al piano paesaggistico è tutta all’insegna di un grido: “Se andiamo avanti così facciamo fuori il Paesaggio”. Il progettista del piano Prof. Alberto Magnaghi in più occasioni ha messo in luce l’espansione dei centri urbani che se continuano al ritmo dell’espansione dal dopoguerra ad oggi nei prossimi 50 anni renderà l’intera Penisola Salentina un'unica CITTA’! “Se andiamo avanti così facciamo fuori il Paesaggio” , sembra la voce di Al Gore, quello che si presenta come l’ex Prossimo Presidente degli Stati Uniti d’America e che in maniera molto suggestiva ha realizzato un documentario che consiglio a tutti e che nella versione italiana si intitola “Una scomoda Verità”. E la Verità del Paesaggio Pugliese è questa: “Se andiamo avanti così facciamo fuori il Paesaggio”. C’è stato il Prof.Giuliano Volpe, Rettore dell’Università di Foggia che ha più volte fatto presente la necessità di un modo UNITARIO di guardare al Paesaggio. Abbiamo ancora nelle orecchie le parole di Anna Marson, IUAV Studi Progetti – Venezia che ci ha detto della valutazione ambientale strategica (VAS) del PPTR. Le persone o, come dicono gli Architetti, gli Abitanti, devono essere contattati da abitanti INNAMORATI del territorio e dell’ambiente che è soprattutto Paesaggio rurale e in tal modo coinvolgere e fare delle iniziative per promuovere l’azione che ha come epilogo la tutela del territorio. Ma mi chiedo e vi chiedo: chi sono questi professionisti che si intendono del Paesaggio rurale? Chi sono quelli che conoscono e hanno studiato a fondo il territorio più grande del nostro Salento che quello rurale? Si è vero! E’ inevitabile, lo debbo scrivere, sono i Dottori Agronomi e i Dottori Forestali. Ho letto sui giornali locali i Report della conferenza stampa della Provincia di Lecce che annunciava l’incontro del 20 gennaio 2010 alle ore 15 e 30 a Lecce presso Palazzo dei Celestini in cui si citavano tutti i professionisti all’infuori dei Dottori Agronomi e i Dottori Forestali. Tutto questo mi ha molto meravigliato e mi è apparso anche incomprensibile. A meno che le persone che hanno tenuto la Conferenza stampa non conoscano l’esistenza dei Dottori Agronomi e i Dottori Forestali. Ma il contributo dei Dottori Agronomi e i Dottori Forestali è l’unico in grado di impedire di continuare il ritmo dell’espansione dal dopoguerra ad oggi che nei prossimi 50 anni renderebbe l’intera Penisola Salentina un'unica CITTA’! I Dottori Agronomi e i Dottori Forestali sono gli unici in grado di impedire il “PAESAGGICIDIO” ovvero l’uccisione del Paesaggio. Spero che tutto questo sia stato solo un incresciosa e imbarazzante dimenticanza, anzi ne sono certo, è solo una imbarazzante clamorosa perdita di memoria e presto arriveranno le precisazioni e le integrazioni.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!