Il miglior atleta salentino del 2009

Va in bici da più di 15 anni. Il prestigioso riconoscimento assegnato dal Coni Lecce a Leonardo Maggiore arriva dopo anni di dura gavetta

Compiuti i 15 anni di età, si è messo in sella e da allora non è mai sceso macinando chilometri in lungo e in largo tra gli spettacolari saliscendi del Salento prima, e tra gli avvallamenti e le ostiche pendenze d’Italia e d’Europa poi. Leonardo Maggiore, 33enne originario di Spongano, dopo tanto sudore, tanta fatica ma anche tante emozionanti vittorie, è stato insignito pochi giorni fa della targa d’oro come “Miglior atleta salentino 2009” per alti meriti sportivi nel ciclismo. A consegnare l’attestato nelle sue mani è stato Carlo Scippa presidente della Federazione ciclistica italiana sezione di Lecce, per conto della Sezione sportiva del Coni di Lecce. “Esprimo vivo apprezzamento e il più sentito compiacimento per la encomiabile attività sportiva svolta dal 2004 al 2009 – ha scritto Scippa – e per aver conseguito risultati di notevole prestigio come il Campionato Europeo Cronometro 2004, Campionato Mondiale su strada 2007 (1° posto), Campionato Italiano a Tappe 2009”. Caporal maggiore-capo di stanza a Bari (10° reggimento trasporti), Leonardo Maggiore attualmente milita nel “Gruppo sportivo Esercito” con sede a Treviso dopo una lunga gavetta in varie altre squadre tra cui il CicloClub “Pascal Richard” di Spongano e la Brescialat nei dilettanti: “Sono contentissimo per il prezioso riconoscimento che arriva dopo anni di fatica e sacrifici. Voglio ringraziare il Comandante del 10° Reggimento trasporti di Bari, Colonnello Saverio Pirro e i miei amici colleghi che attualmente si trovano in missione in Libano, ai quali dedicherò tutte le prossime vittorie”. Insieme a Maggiore sono stati premiati anche gli atleti leccesi Fabio Piscopiello, Alessia Quarta e Fabio Ciccarese. La targa sarà affissa nella bacheca all’interno dell’edificio del Coni dove sono riportati i nomi dei più prestigiosi atleti del Salento dal 1960 ad oggi.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!