Inseguimento da film. In auto droga e migliaia di euro

A bordo di un suv hanno cercato di seminare le volanti della Polizia. Trasportavano hashish, cocaina e denaro contante. In arresto due giovani, di 26 e 19 anni. Tre agenti in ospedale

E’ sembrato un inseguimento da film. 20 minuti a folle velocità, contromano sulla tangenziale, incuranti dei semafori rossi e delle altre auto. Diverse ne son state danneggiate, infatti, durante il rocambolesco inseguimento. A scappare era un Suv, un Ssayong Kyron; ad inseguirlo, le volanti della Polizia. Il giovane che l’altroieri sera guidava il suv, Danilo Polimeno, 26enne di Lecce, guidava sotto effetto di cocaina. Ha riferito di averne assunto un grammo intero in una volta sola, ingoiandolo. In macchina trasportava sette chili e mezzo di hashish, diverse dosi di cocaina e 1.800 euro in contanti. Così ha messo a repentaglio la vita di decine di automobilisti che gli sono passati sventuratamente accanto, sbattendoli sui guard rail o costringendoli ad attaccarsi fisicamente alle pompe di benzina per non essere travolti nella folle corsa. Ma Polimeno non era solo. Con lui vi era un altro giovane, Valentino Nobile, 19enne di Salice Salentino, domiciliato a Lecce. Figlio di Salvatore Nobile, boss arrestato e condannato per droga ed estorsione. Nobile ha pure cercato di scappare a piedi, dopo che l’auto sulla quale si trovava era stata fermata, ed ha affrontato con le mani nude i poliziotti, finendo in ospedale, assieme a tre agenti. In un locale a lui riconducibile i poliziotti hanno rinvenuto 386 grammi di cocaina purissima, dosi già confezionate, sostanza da taglio, tutto il necessario per confezionare le dosi e dieci grammi di semi di canapa. I due sono stati arrestati con le accuse di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti aggravata dall’ingente quantitativo, resistenza aggravata a pubblico ufficiale e danneggiamento aggravato. Polimeno è stato denunciato anche per guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti, con il ritiro della patente, la decurtazione di 23 punti ed una multa di 500 euro. Gli interrogatori si terranno domani mattina davanti al giudice delle indagini preliminari Maurizio Saso.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!