Castro rinasce con il finanziamento dell’Area Vasta

L’Area vasta Sud Salento ha stanziato 3 milioni e 330mila euro per la sistemazione delle strutture situate lungo il litorale, distrutte dalle mareggiate dell’anno scorso

3 milioni e 330mila euro. A tanto ammonta il finanziamento per la sistemazione e riqualificazione di una serie di strutture situate lungo il litorale di Castro Marina approvato nei giorni scorsi dall'Area Vasta Sud Salento con sede a Casarano. E così ad un anno di distanza dalle violente mareggiate che hanno investito la costa sud-orientale salentina, la località castrense potrà riuscire a ripristinare e potenziare lo stato dei luoghi, in particolare il porto, molto ridimensionato dall’impeto delle onde. La mole d’acqua abbattutasi varie volte nell’invernata scorsa, ha scardinato infatti la mantellata formata da decine di blocchi in cemento frangiflutti che protegge dall’esterno l’intero molo, intaccando imbarcazioni e vario altro materiale adoperato dai pescatori. Ora sarà possibile con diversi interventi risistemare il molo e tutta l’area adiacente. “Siamo molto soddisfatti per il provvedimento adottato dall’Area Vasta – dicono il sindaco Luigi Carrozzo e l’assessore al turismo Luigi Capraro – e la contentezza è doppia se pensiamo che Castro si è posizionata al primo posto della graduatoria dei finanziamenti. Questi soldi ci consentiranno di avviare un cantiere entro giugno prossimo per mettere in sicurezza il porto, potenziare l’illuminazione pubblica e attivare altri servizi a supporto di quell’importante e strategico sito. Ovviamente tutto ciò sarà ulteriore volano di sviluppo per l’economia della nostra cittadina”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!