Due iniziative per sensibilizzare alla donazione del cordone ombelicale

GUARDA I VIDEO. In programma a gennaio una “tombola del cordone” e la mostra “horror” dei doni irricilabili e dei regali riciclati, ideate dal Comitato “Un cordone della vita” con la collaborazione dello showman Gianni Ippoliti

Due idee originali per sensibilizzare sul tema della donazione di sangue del cordone ombelicale. Il Comitato “Un cordone per la vita”, in collaborazione con il testimonial della campagna di informazione, lo showman Gianni Ippoliti, organizza il 3 gennaio, all'hotel President di Lecce, una simpatica mostra “horror” dei doni irriciclabili e dei regali riciclati (il 4 gennaio ci sarà anche un collegamento in diretta su Raiuno). Il 5 gennaio, invece, dalle 20.30, si terrà una tombolata di solidarietà con ricchi premi e buffet (annesso il servizio di baby-sitting). Il programma della manifestazione realizzata con la collaborazione di Comune e Provincia di Lecce, è stato presentato questa mattina a Palazzo Carafa, alla presenza del sindaco di Lecce, Paolo Perrone, dell'assessore provinciale Bruno Ciccarese, di Gianni Ippoliti e di Ilio Palmariggi per la Asl. Grazie a una vasta campagna di informazione, in questi anni il Comitato “Un cordone per la vita” è riuscito ad ottenere importanti risultati, tra i quali l'attivazione di due centri di prelievo e raccolta del cordone ombelicale, uno nell'ospedale “Vito Fazzi” di Lecce e l'altro presso l'ospedale “Panico” di Tricase. La nuova sfida del Comitato è ora quella di ottenere una seconda Banca per la conservazione del sangue cordonale (in Puglia ce n'è solo una e si trova a San Giovanni Rotondo) proprio a Lecce. Il progetto è già stato inserito dalla Asl di Lecce nel nuovo Piano di attuazione locale (Pal) ma la decisione finale spetterà alla Regione, come spiega Alessia Ferreri, presidente del Comitato “Un cordone per la vita”:

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!