Via Adua. Tre indagati

Chiuse le indagini relative all’incidente di via Adua a Lecce, quando un pino si abbatté su una Fiat Multipla ferendo un giovane e paralizzando la fidanzata. Indagati due funzionari del Comune ed uno dell’Università

Due dirigenti del Comune ed uno dell’Università sono ritenuti responsabili dell’incidente che si è verificato la sera del 5 dicembre 2008 in via Adua a Lecce, quando un grosso pino d’aleppo finì su una Fiat Multipla ferendo in maniera grave un ragazzo, Matteo Scardia, ed in maniera gravissima la sua fidanzata. Quest’ultima, Sabrina Bozzi Colonna, 22 anni, studentessa universitaria di Lingue straniere, da quel giorno è costretta su una sedia a rotelle. Erano circa le 23.30 e Lecce era in subbuglio per la “Note bianca”. L’accusa, il pm Francesca Miglietta, sostiene che i tre funzionari, ognuno per le proprie competenze, abbiano omesso di mettere in sicurezza la strada; i dirigenti comunali, Claudia Branca, 46 anni, di Lecce, responsabile del settore Lavori pubblici, e Antonio Pati, 52 anni, di Lequile, responsabile dell’ufficio “Verde pubblico”, avrebbero dovuto farlo perché l’albero sporgeva sulla strada; il funzionario universitario, Gaetano Carrozzo, 58 anni, di Salice Salentino, responsabile della struttura “Verde di Ateneo”, perché il pino era piantato nel giardino dell’Ateneo. Tutti rispondono dell’ipotesi di reato di lesioni personali gravissime per la paralisi che ha colpito la ragazza e di lesioni gravi per le ferite riportate dal ragazzo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!