Casa di Betania. Centro per anziani sperimentale

GUARDA IL VIDEO. Nel nuovo centro di Tricase l’aspetto sociale si integra con quello sanitario della prevenzione delle patologie. Nichi Vendola alla presentazione del progetto

E’ stato presentato stamattina presso la sala conferenze del Polo didattico universitario dell’ospedale “Panico” di Tricase, il progetto “Centro diurno per anziani Casa di Betania. Prevenzione e terza età”, struttura realizzata e gestita dalla Pia Fondazione di culto e religione “Cardinale Panico” e che sorge nelle immediate vicinanze del nosocomio tricasino. Alla presentazione ha preso parte anche Nichi Vendola, presidente della regione Puglia, che ha spiegato come il progetto, ammesso a cofinanziamento regionale sulla base del programma operativo del Fondo europeo sviluppo regionale Puglia 2007-2013, costituisca un’iniziativa nuova e sperimentale nell’ambito della presa in carico di “persone anziane autosufficienti”. Nel nuovo centro l’aspetto sociale dell’accoglienza, intrattenimento e socializzazione si integra con gli aspetti tipicamente sanitari della prevenzione delle patologie. Estrema importanza rivestono la stretta collaborazione tra le diverse professionalità e i diversi saperi (medici, infermieristici, sociosanitari, educativi, riabilitativi, relazionali-comunicativi) e la fattiva partecipazione degli operatori sanitari del “Panico”, del volontariato, delle Università partner, delle istituzioni e degli enti locali. Il centro è convenzionato dall’Ambito sociosanitario territoriale di Gagliano del Capo quale struttura facente parte della rete dei servizi sociali del territorio, con possibilità, per gli utenti, di contare su una contribuzione alla retta commisurata alle loro condizioni economiche. L’apertura al pubblico è prevista per gennaio.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!