Colitti. Oggi la decisione del Riesame

E’ attesa per stamattina la decisione del giudice relatore Nicola Lariccia (presidente Laura Liguori, a latere Stefano Marzo) sulla sussistenza degli indizi che dallo scorso 25 novembre tengono in carcere Vittorio Colitti, accusato di essere, assieme al nipote suo omonimo, il killer di Peppino Basile. Colitti senior, 66 anni, ieri ha pianto a lungo davanti ai giudici nel corso dell’udienza durata più di due ore, riuscendo a dire solo poche parole: “Non sono stato io. Dormivo”. Ed in sede di Riesame Francesca Conte e Paolo Pepe, i suoi legali, hanno presentato un documento di 200 pagine contenenti un’ampia analisi che “smonterebbe” l’impianto accusatorio a carico dell’uomo, evidenziando presunte incongruenze nella ricostruzione dei fatti, che giudicano parziale, fornita dal pm Giovanni De Palma. Questi, ieri, ha depositato i verbali degli interrogatori della madre e della maestra della bambina, vicina di casa di Basile, la supertestimone che avrebbe sbloccato il caso, riferendo di aver visto tutto: due uomini, uno che teneva fermo il consigliere, l’altro che lo colpiva a morte. La prima ha dichiarato di aver insegnato alla figlia a dire sempre la verità; la seconda ha confermato quanto detto dalla madre, descrivendo la piccola come una bambina sveglia e non incline a raccontare storie di fantasia. Di Vittorio Colitti junior, il nipote 19enne, si occuperà mercoledì prossimo il Riesame del Tribunale per i minorenni di Lecce; il giovane non aveva ancora compiuto 18 anni all’epoca dei fatti.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!