Io Sud. “Costruiremo il programma dal basso”

GUARDA I VIDEO. Si è chiusa stamani a Lecce la prima Assemblea programmatica provinciale del movimento Io Sud. I risultati nelle interviste alla senatrice Adriana Poli Bortone e al presidente provinciale del movimento, Angelo Tondo

Ieri la presentazione della bozza di programma per il governo regionale. Stamani, i tavoli tematici con gli esperti dei settori: Agricoltura, Cultura, Giovani, Pmi e Lavoro, Servizi pubblici locali e Aqp, Sanità e Turismo. Sono stati due giorni di autentico laboratorio programmatico per il movimento Io Sud, al lavoro nelle sale dell'hotel President di Lecce. A tirare le somme dell'assemblea è la senatrice Adriana Poli Bortone, che ha aperto una campagna di partecipazione popolare sottoponendo ad iscritti, simpatizzanti e a tutti i cittadini un quesito riguardo l'affiancamento nella corsa per le Regionali del marzo prossimo. Nella scheda vengono sottoposti all'esame tutti i possibili accompagnamenti; con il Pdl, con il Pd, con l'Udc, con l'Idv, con le federazioni leghiste oppure uno schieramento solitario. Dal canto suo, la senatrice sembra ormai alle prese con le “prove di riavvicinamento” col Pdl e il ministro Raffaele Fitto, mentre liquida l'eventualità di un'intesa con il Centrosinistra: “Ricevo ogni giorno telefonate importanti – dice – ma la mia è una cultura di destra, il resto sono fantasie”. Per il presidente provinciale di Io Sud, Angelo Tondo, l'assemblea si è rivelata “un grande successo in termini di reale partecipazione, così come vuole il Dna del nostro movimento, che assumendo per bandiera l'effervescenza di un meridionalismo tradito, è divenuto un partito che assume, oggi, la sua attenzione al territorio e la condivisione dell'azione politica quali elementi distintivi di una nuova stagione della politica”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!