I rimpianti del Gallipoli

Il Torino vince grazie ad una rete di Di Michele, ma a recriminare sono i padroni di casa

Amarezze gallipoline. Il Torino del neo tecnico Beretta passa al “Via del Mare” grazie ad un gol di Di Michele e porta a casa tre punti immeritati. A recriminare, infatti, sono i padroni di casa, cui un po’ di sfortuna (tre pali), una certa imprecisione sotto porta e un rigore netto non concesso dall’arbitro Baracani, tolgono la gioia di un pareggio che sarebbe stato comunque ingiusto. L’allenatore granata, al rientro nel Salento dopo l’amara esperienza della scorsa stagione sulla panchina del Lecce, ridisegna la squadra, puntando sul trio delle meraviglie Gasbarroni-Bianchi-Di Michele, tre abituati a calcare palcoscenici più prestigiosi della serie cadetta. Giannini si affida invece alla coppia Ginestra-Di Carmine, tornato al gol nell’ultima vittoriosa trasferta di Salerno. Primo tempo equilibrato con alcune buone occasioni da una parte e dall’altra, ma che finiscono con un a di fatto. Nella ripresa, però, è il Gallipoli a diventare padrone del campo, sfiorando ripetutamente il vantaggio prima con Ginestra (che solo davanti a Sereni calcia debolmente sul portiere granata), poi con Mounard e quindi con Scaglia (che coglie un palo clamoroso) e Pallante. Nel mezzo un fallo da rigore commesso da Pisano su Di Carmine non rilevato dall’arbitro. Proprio nel momento più difficile, come spesso accade nel calcio, è il Torino a trovare il vantaggio: angolo di Gasbarroni, Loria prolunga di testa per Di Michele che da pochi metri supera Sciarrone. Il gol è una vera doccia fredda per i salentini, che si spengono lentamente rischiando di subire in contropiede il raddoppio ospite. Finisce così tra il rammarico di un Gallipoli sprecone e poco fortunato. Amareggiato a fine partita anche Giannini, che commenta così la prova dei suoi: “E’ difficile dopo una partita come questa non essere arrabbiati e delusi. I miei ragazzi hanno disputato una grande prova, non ho a da rimproverargli. Siamo stati puniti da una delle poche occasioni costruite dai nostri avversari dopo aver sprecato tanto. Questo è il calcio, ora dobbiamo essere bravi a cancellare il risultato negativo e ripartire dalla grande prestazione di oggi”.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!